Belotti segna a raffica e i record cadono uno dopo l’altro: di questo passo potrebbe diventare l’attaccante granata più prolifico del dopo guerra

Andrea Belotti è l’attaccante del momento. Il “Gallo” ha di recente rinnovato il suo contratto con il Toro con una clausola di ben 100 milioni per un eventuale, futura, cessione all’estero. E’ l’attaccante titolare della Nazionale italiana ed è in lotta per il titolo di capocannoniere assieme ad attaccanti affermati (e ben sponsorizzati) come Icardi, Dzeko e Higuain.

Contro il Genoa, Belotti ha battuto l’ennesimo record personale andando a segno per la terza partita consecutiva e regalando al Toro la vittoria nell’ultima partita del 2016. Nel 2017, di questo passo, Belotti potrà frantumare i propri record personali ed entrare di diritto nella storia dei bomber più prolifici dell’era granata.

L’ultimo attaccante del Torino a vincere il titolo di capocannoniere è stato Ciro Immobile nella stagione 2013/2014, la migliore da quando Cairo è il Presidente. Immobile ha segnato 22 reti, di cui 9 nelle prime diciotto giornate. Belotti ha chiuso il 2016 con 13 reti, quattro in più di Immobile dopo lo stesso numero di giornate. Battere le 22 reti dell’attaccante, ora in forza alla Lazio, può esser quindi un obiettivo realistico e facilmente raggiungibile mantenendo questa media gol.

Per trovare un altro capocannoniere nella storia granata bisogna tornare alle stagioni dal 1974 al 1977, quelle di Pulici e Graziani. Paolo Pulici è stato capocanonniere nel 1975 e nel 1976, segnando 18 e 21 gol. Nella prima stagione, al termine delle diciotto giornate iniziali, Pulici aveva segnato appena 7 reti. La stagione successiva, quella dello Scudetto, Puliciclone iniziò alla grande e mise a segno ben 16 reti nelle prime diciotto giornale. Nel 1976/1977 toccò a Graziani raggiugere le 21 reti in campionato e conquistare, così, il titolo di capocannoniere. Per lui le reti dopo le prime diciotto giornate furono 15. Altra epoca, altro tipo di calcio e altre regole: la serie A era infatti composta da sole 16 squadre.

Belotti, statistiche alla mano, è comunque molto più vicino ai numeri di Pulici e Graziani, rispetto a quelli di Immobile. La “Coppia del gol” raggiunse quota 18 e 21 reti (due volte) con otto partite in meno a disposizione di quelle che avrà Belotti in questo campionato. Ecco perché il Gallo può davvero fare la storia del Toro.


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Cup
Cup
5 anni fa

Pulici e Graziani sono stati la coppia di attaccanti del Toro per ben 8 anni consecutivi e Pulici c’era già da 3 anni prima ed è rimasto anche un anno dopo (12 anni al Toro!): nessuno è più riuscito ad emularlo, non solo e non tanto nei gol, ma per… Leggi il resto »

Gianky1969
Gianky1969
5 anni fa

Paolo Pulici è stato e rimarrà unico per la storia del Toro, le statistiche di mezzo campionato o di 30 partite sono marginali. Dipendesse da me, ancora oggi, è lui il più titolato a leggere i nomi degli Invincibili. Al Gallo, più semplicemente e meritoriamente, attaccherà la fascia da capitano… Leggi il resto »

Gianky1969
Gianky1969
5 anni fa
Reply to  Gianky1969

Attaccherei

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
5 anni fa

E si Hart se ne andrà e lo seguirà il Gallo. C’è solo il dubbio se a giugno 2017 o gennaio 2018. Va beh aspettiamo x la Champions. Una decina di anni e se almeno 8 squadre davanti a noi falliscono siamo lì pronti. Che tristezza.

Gianky1969
Gianky1969
5 anni fa

E no! Cairo scomunication lo ha auspicato, quindi perché non credergli?
Cempions ligure dietro l’angolo, perché porsi dei limiti? Alle cazzate.

Acquah, convocazioni del Ghana per la Coppa d’Africa rimandate a lunedì

Toro, De Silvestri di nuovo in gruppo