Toro, puoi consolarti solo con Lukic

Toro, puoi consolarti solo con Lukic

di Andrea Piva - 20 Febbraio 2017

Il giovane centrocampista serbo è una delle pochissime note positiva della trasferta romana: personalità da veterano e un destro che fa ben sperare

Se c’è una nota positiva nella trasferta romana del Torino quella è sicuramente Sasa Lukic. Per il giovane centrocampista serbo quella contro la Roma era la prova della maturità: sette giorni fa contro il Pescara la sua prestazione era stata più che positiva, ma, tenendo di conto del fatto che di fronte si fosse trovato un avversario già alle corde dopo appena un quarto d’ora, lasciarsi andare a troppe lodi sarebbe stato smoderato. Riuscire invece a guadagnare la sufficienza all’Olimpico, contro una Roma che nei primi venti minuti è stata capace di segnare due gol e di colpire un palo, è stata un’impresa decisamente più ardua da compiere. Eppure, nonostante la poca esperienza e il modico aiuto ricevuto dai propri compagni di squadra, Lukic ce l’ha fatta.

L’avvio a spron battuto della Roma e la marcatura leggera su Dzeko in occasione del primo gol giallorosso hanno subito messo in salita la partita di Lukic: dopo i primi dieci minuti il rischio era che il numero 25 granata venisse sopraffatto dai centrocampisti avversari, come è successo ai suoi due compagni di reparto, Benasi e Baselli. Il giovane regista non ha invece perso la concentrazione e, con una serenità da veterano, ha provato a prendere per mano la squadra e farla reagire nel momento di maggiore difficoltà: non è un caso che sia entrato in quasi tutte le azioni pericolose del Torino, come non è un caso che la prima palla-gol della partita per i granata porti la sua firma. Con un pizzico di fortuna in più all’Olimpico Lukic avrebbe potuto siglare la sua prima rete in serie A, il suo destro dal limite sul parziale di 2-0 si è invece spento di poco sul fondo.

Se si tengono in considerazione due fattori importanti come l’età (20 anni) e l’esperienza nel campionato italiano (è appena alla prima stagione in serie A), vedendo Lukic in queste sue prime partite da titolare è lecito aspettarsi una crescita da parte del giocatore nel prossimo futuro. Il centrocampista al Torino con un allenatore come Mihajlovic (suo connazionale che lo ha fortemente voluto in granata) ha la possibilità di maturare e diventare un giocatore sempre più importante per la squadra. Senza troppo fretta però: il tempo è comunque dalla sua parte.

14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
AmmaMi71
AmmaMi71
3 anni fa

Vista la posizione in classifica e le buone impressioni date fin’ora da Lukic, fossi io l’allenatore, lo proverei per le prossime partite facendo accomodare in panchina Valdifiori….Ma non so se Miha sarà della stessa idea…. Andrò controcorrente, ma ieri avrei tolto Belotti che mi è parso parecchio stanco (spero solo… Leggi il resto »

poloniogranata
poloniogranata
3 anni fa

Egregio Presiniente,
che ne dice, lo mettiamo già nella lista delle plusvalenze per il mercato estivo?
Bisogna fare il grano prima possibile, mica ha senso tenere dei piedi buoni e farli crescere insieme alla squadra.
Non è abbastanza imprenditoriale come mentalità.

greto
greto
3 anni fa

Si ha giocato bene, secondo me è bravo e varrebbe la pena insistere su di lui, Valdifiori, si può tranquillamente accomodare in panca, acquisto inutile, lo dico da agosto, perché 8n una mediana da calcetto come le la nostra, serviva ben altro…