L’allenatore lo ha aspettato ma pure bacchettato: ora finalmente il gol che può sbloccarlo del tutto

Lo aveva già detto prima di Udine, Ivan Juric, che da Miranchuk si aspettava di più. I gol, innanzitutto, perché il russo è uno che la porta la vede eccome, come testimonia la rete al Monza alla prima uscita, nei primi 45 minuti granata. “Ho la sensazione che possa dare di più, è la mia sensazione quando guardo l’allenamento. Vorrei dargli piena fiducia, penso possa darci di più come giocatore, spero che il prima possibile cominci”. Detto, fatto. Il giorno dopo alla Dacia Arena è di Miranchuk l’assist per il gol di Aina. Un pallone servito al compagno quasi a memoria, senza perdere nemmeno un istante dopo aver ricevuto la sfera da Vlasic. Di più, ancora di più, col Milan.

Vlasic, il suo ispiratore

Miranchuk, non l’insostituibile come Vlasic ma il giocatore da cui pretendere di più. E così si arriva alla sfida al Milan, quella che per il Toro significa primo successo contro una big nell’era Juric. Una rete pesantissima quella dell’ex Atalanta, che raccoglie (di nuovo) il suggerimento di Vlasic, stavolta di tacco, e batte Tatarusanu con freddezza. E con qualità, quella che ha il russo, che hanno i compagni di reparto e sulla quale Juric può contare.

In estate la trattativa bloccata da Gasperini

Ora sì che col russo si comincia a ragionare. Una trattativa non semplice quella con l’Atalanta. Quando sembrava tutto fatto per il trasferimento (in prestito) dell’allora giocatore nerazzurro, ecco lo stop di Gasperini, che aspettava prima rinforzi. Tutto congelato quando c’era il sì di ognuna delle parti in causa. Poi l’arrivo a ridosso del campionato, il gol, l’infortunio che lo ha tenuto fuori un mese e mezzo e ora il ritorno. E la nuova storia costruita.

Aleksei Miranchuk
Aleksei Miranchuk
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-11-2022


31 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
pellegranata
pellegranata
1 mese fa

Possiamo dire che al momento non ha fatto rimpiangere Praet?
L’assist ad “occhi chiusi” per il gol di Aina e’ qualcosa di cui noi (purtroppo) non siamo abituati da tempo. Tecnica e intelligenza calcistica di alto livello.

odix77
odix77
1 mese fa

sta crescendo anche lui forse piu di condizione che altro. se tiene fisicamente per noi è un buonissimo giocatore. se o meno resterà qui alla fine dell’anno non lo so, i precedenti dicono che è difficile.. vedremo, per ora cmq bene…

Olga
Olga
1 mese fa

Miranchuk e’ un giocatore talentuoso. Ha tanta voglia di giocare e dare il massimo a sua nuova squadra…E’ un ragazzo bravissimo e spero tanto che sara’ apprezzato in Italia come un gran giocarore anche…Buona fortuna Lesha!

Andreas
Andreas
1 mese fa
Reply to  Olga

ciao Olga. Io spero tanto che sarà apprezzato al Toro!! Qual’è il significato della parola Lesha?

Olga
Olga
1 mese fa
Reply to  Andreas

Ciao! Lesha e’ il suo nome corto,non e’ ufficiale… 🙂 Aleksey e’ Lesha…:)

Croazia, i pre-convocati: c’è Vlasic e pure l’ex Brekalo. Escluso Rebic

Torino, è emergenza a centrocampo: out Ilkhan, fuori Linetty, scelte obbligate