Verdi nota dolce di Parma-Torino, adesso punta alla sfida col Napoli

Verdi, a Parma segnali incoraggianti: adesso punta il Napoli

di Andrea Flora - 1 Ottobre 2019

Verdi è una delle poche note liete della trasferta a Parma: serve l’assist per il gol di Ansaldi del pareggio e adesso punta alla sfida col Napoli

E’ un Simone Verdi diverso rispetto alle prime giornate con il Torino, e la partita contro il Parma l’ha dimostrato: è entrato bene nei meccanismi di gioco della squadra di Walter Mazzarri e adesso punta ad un posto da titolare fisso inamovibile insieme a Belotti e Zaza, recuperato totalmente dopo il lieve infortunio nella sfida infrasettimanale contro il Milan. Verdi ha tanta concorrenza nel reparto offensivo, e con il ritorno anche di Iago Falque sbagliare non è più concesso altrimenti si scenderebbe nelle gerarchie di un Torino che non può più perdere punti sul campo.

Verdi, dopo Parma adesso aspetta il suo ex Napoli

Per Simone Verdi una prova sicuramente convincente contro il Parma nel – rovinoso – lunedì sera che ha visto il Toro uscire sconfitto di misura, complice anche l’espulsione al 30′ del primo tempo di Bremer. E’ stato proprio l’attaccante ex Napoli ha servire per la testa di Ansaldi il pallone del momentaneo 1-1: un’azione che si è sviluppata sulla sinistra con l’attaccante sceso molto bene sulla fascia dove nessuno è riuscito a fermarlo e da dove ha fatto partire il cross che ha trovato Ansaldi sull’altra sponda del campo che di testa ha insaccato. Un’azione provata in allenamento e che ha trovato la piena approvazione e i complimenti da parte di mister Mazzarri al termine del match. Ora Verdi vuole la sfida contro il Napoli per riportare in alto il Toro

Torino-Napoli è già sfida per l’Europa

Le ambizioni europee di Torino e Napoli non sono di certo un segreto: i partenopei sono tra le pretendenti allo scudetto anche se hanno commesso pure loro alcuni passi falsi in campionato. La sconfitta in casa col Cagliari e la vittoria risicata contro il Brescia sono primi segnali per Ancelotti che qualcosa deve cambiare. Adesso c’è la sfida col Torino dell’ex Verdi che ha sempre ringraziato la società di De Laurentiis ma che come ogni professionista vuole “punire” con la nuova maglia. Mazzarri potrebbe quindi sfruttare la carta Verdi e riproporre il tridente offensivo con Zaza e Belotti per ritornare nelle zone europee della classifica.

10 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Bagna cauda
Bagna cauda
9 mesi fa

GD solito invito. Passi lunghi e ben distesi. 🏃‍♂️ ti ho fatto anche il disegno così forse capisci.

MondoToro
MondoToro
9 mesi fa

Leggerino e con poca personalità. Il paragone con ljiaic costato un terzo è imbarazzante.

GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
9 mesi fa
Reply to  MondoToro

il discorso in questo caso fila tutto. a me ljajic non piaceva. ma è costato meno di un terzo rispetto a verdi. il rapporto qualità/prezzo per ora è migliore per il sserbo. verdi al momento decisamente sopravvalutto economicamente. ma speriamo cresca e cifaccia ricredere. io tifo Toro e quindi spero… Leggi il resto »

Immer
Immer
9 mesi fa

Io segnali incoraggiati ne ho visti pochi mah speriamo in bene altrimenti sono 25 più 15 di zaza buttati nel cesso