Parma-Torino 3-2, numeri e statistiche: i granata subiscono troppo

Torino, il Parma crea e tira di più: la fase difensiva è da registrare

di Francesco Vittonetto - 1 Ottobre 2019

I numeri di Parma-Torino 3-2 2019/2020: i granata subiscono 13 tiri e fanno 83 in campionato, Sirigu è decisivo. Tutte le statistiche

Qualcosa non va nella fase difensiva del Torino. Ma non lo si scopre certo all’indomani della sconfitta patita al “Tardini” di Parma, arrivata al 90′ dopo una gara condotta per una buona ora in dieci uomini. Meccanismi e dinamiche di copertura – che, soprattutto nella filosofia di Mazzarri, devono necessariamente essere orchestrati di gruppo e ad alta intensità – si innestano a rilento. E ciò si traduce in alcuni dati empirici, come il numero dei tiri subiti nel corso delle gare. Contro i ducali sono stati 13, dei quali 7 verso la porta di Sirigu. Ma andando a sommare quelli delle prime sei giornate si arriva ad un numero impressionante: 83 in totale, una media di quasi 14 per gara.

Parma-Torino 3-2, le statistiche della partita

Ce lo aveva raccontato anche Giancarlo Camolese, appena una settimana fa: “Ho visto un Toro diverso, che concede di più agli avversari. Nei numeri sono aumentati i tiri subiti rispetto alla scorsa stagione”. E anche a Parma, Sirigu ha dovuto superarsi per evitare imbarcate. Negli occhi restano le due parate su Gervinho (il più pericoloso dei padroni di casa, ma rimasto a secco), prima sul rigore, poi a inizio ripresa, mentre nulla ha potuto sui tre gol incassati.

Belotti il migliore, pesa il rosso a Bremer

Oltre all’evidente calo di baricentro (sia in possesso avversario, che proprio) tra primo e secondo tempo – pesa qui l’espulsione di Bremer -, le statistiche di Parma-Torino raccontano poi che di tiri, i granata ne hanno tentati 6, di cui 5 nello specchio, riuscendo nel 77% dei tentativi di passaggio.

Tra i singoli spicca Andrea Belotti, che risulta globalmente il migliore del Toro: un gol, due tiri in porta, 10 recuperi (in questo è il migliore dei suoi, assieme a Nkoulou e Meité). Il miglior corridore, invece, è Daniele Baselli, con 11.374 km percorsi.

più nuovi più vecchi
Notificami
T
Utente
T

Il parma se non erro era ultimo per numero di tiri in porta. Difesa in barca totale, basti vedere bremer come “marca stretto” l’uomo sull’azione del loro rigore: lo teneva d’occhio da 10 metri! Poi abbiamo un gran bel centrocampo, da sempre il nostro fiore all’occhiello. Ottimo in entrambe le… Leggi il resto »

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Ma quelli affetti da leccaculismo compulsivo non asservano che c’erano 6 centrali di assoluto livello, nessuno come la cairese?
La ragione sempre dalla loro, difficile migliorarli.

TorinoGranata (ex GD)
Utente
TorinoGranata (ex GD)

ma quelli costretti da paraocchi faziosi,,non intuiscono nemmeno che il problema nasca a monte, dalla squadra in generale (linee, distanze, ecc) e che solo poi ricada sulla difesa?
La faziosità toglie la vista! ribellati! liberati dal giogo opprimente.

ale_maroon79
Utente
ale_maroon79

Comunque Bremer a fare il muro è un portento…magari se lo mettono nella squadra di volley scopriamo di avere in casa un fenomeno vero.