Il colombiano ha segnato di più solo al Sassuolo (10) e non ha mai perso quando si è trovato a colpire i bianconeri

Che stagione la prima di Duvan Zapata in granata! 11 reti (quella mancante in maglia Atalanta) e tantissime responsabilità sulle spalle, per un giocatore chiamato ancora di più rispetto alle sue precedenti esperienze a indossare i panni di leader, al comando di un attacco tutt’altro che prolifico. Si è dovuto immolare per la causa anche a Empoli, dove ha siglato una doppietta ed è diventato ufficialmente un giocatore del Torino, per via della clausola legata al riscatto che consisteva in una gara che il colombiano avrebbe disputato ad aprile. Cosa ci sarebbe di meglio di festeggiare il suo approdo a titolo definitivo in granata con il gol che tutti sotto sotto gli chiedono? Dalla sua numeri importanti contro la Juventus, prossimo avversario degli uomini di Juric. Se al primo posto delle sue vittime preferite c’è il Sassuolo con 10 reti, subito dopo troviamo infatti i bianconeri. 8 dispiaceri inflitti alla Juventus, con la particolarità di essere rimasto sempre imbattuto una volta comparso sul tabellino alla voce reti.

Zapata, primo gol con l’Udinese

5 vittorie, 5 pareggi e 8 sconfitte in 18 incontri. Questo il bottino personale di Duvan Zapata nei confronti con la Juventus. L’esordio in un Juventus-Napoli 3-0 della stagione 2013-2014, in cui è sceso in campo per undici minuti senza impensierire una formazione di Antonio Conte spinta dalle reti di Pirlo, Llorente e Pogba. La prima rete ai bianconeri giunge quindi in Udinese-Juventus terminato 1-1 della stagione 2016-2017. Di Zapata il gol del vantaggio al 37’, neutralizzato al 60’ da Bonucci.

La vittoria con la Samp e la doppietta del 2018

Zapata prima di accasarsi all’Atalanta ha cambiato diverse maglie. Ha girovagato per l’Italia prima di trovare la sua dimensione ideale. A novembre 2017 gioca per la Sampdoria e vince contro gli uomini di Max Allegri. Apre lui le marcature a Marassi al 52’. Ci pensano poi Torreira e Ferrari a rendere più corposo il risultato di 3-2, a cui si aggiungono i timbri ospiti di Higuain e Dybala. Poi la volta di Bergamo. Nella stagione 2018-2019 il suo primo centro in campionato da atalantino ai bianconeri. Nella gara di andata dell’allora Atleti Azzurri d’Italia disputata nel boxing day del 26 dicembre 2018, la Juve passa avanti grazie a un autogol di Djimsiti, poi ci pensa Zapata a ribaltare completamente il risultato con una doppietta tra prima e seconda frazione.  A spegnere i sogni di gloria Cristiano Ronaldo al 78’. 2-2 il finale.

Zapata, basta un suo gol per vincere nel 2021

L’anno seguente stesso risultato, ma allo Stadium e con Atalanta e Juventus a scambiarsi i ruoli di contenti e scontenti.  Zapata apre le marcature al 16’, questa volta Ronaldo firma la doppietta che illude i bianconeri, fino a che Malinovskyi firma il pari dei bergamaschi. Decisiva invece la rete del colombiano del 27 novembre 2021, quando l’Atalanta riesce a sbancare la sponda bianconera del Po per 0-1. In gol Zapata al minuto 28.

Doppietta in Coppa Italia. Da riscattare la finale 2021

A completare il conteggio dei gol di Zapata alla Juventus, la doppietta che consentì alla sua Atalanta di eliminare la Juventus ai quarti di Coppa Italia. Un netto 3-0 di fronte al proprio pubblico datato 30 gennaio 2019, in cui Castagne trovò il primo gol e Zapata chiuse i giochi con una rete per tempo. Un buon feeling dunque coi bianconeri, contro cui però Duvan deve ancora rimarginare le ferite aperte delle sconfitte in Supercoppa Italiana (2013 in maglia Napoli) e finale di Coppa Italia (2021 in forza all’Atalanta). Il derby è un’altra opportunità per riprendersi la sua rivincita personale e aggiornare le statistiche.

Duvan Zapata
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 12-04-2024


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
James 75
James 75
1 mese fa

Eccolo l’articolo porta fortuna, toccatina di palle,o articoli ripetitivi, o inutili,o come questo che portano rogna,va be

Toro e i clean sheet nel derby: l’ultimo nel 2008, in casa nel 1999

Incubo Juve nell’era Cairo: dal Bari al Parma, chi ha fatto meglio del Toro