Piero Sandulli nel 1986, da avvocato, difese la Lazio nel processo sul calcioscommesse, nel 2006 presiedeva già la Corte d’Appello durante Calciopoli

Piero Sandulli è giudice e presidente della Corte D’Appello Nazionale, quella che ha respinto il ricorso della Lazio. – confermando quando deciso dal Giudice sportivo – ma che allo stesso tempo ha reso note motivazioni piuttosto dure nei confronti dei granata. Ma chi è Piero Sandulli? Un nome che ricorre spesso nei processi sportivi, e non potrebbe essere altrimenti, ma che ricorre altrettanto spesso anche nelle vicende che riguardano la Lazio. Partiamo dal 1986: il giudice Sandulli, allora avvocato, difese la Lazio nel processo calcioscommesse. La società biancoceleste se la cavò con 9 punti di penalizzazione.

Sandulli, il giudice della Corte Federale anche ai tempi di Calciopoli

Il minimo, per un avvocato, difendere i propri assistiti, se non altro perché di quel club era anche tifoso. “Non ho mai negato nel passato di essere stato tifoso dei biancocelesti e ora ci sono tanti appassionati laziali che temono chissà che cosa proprio perché devo giudicare la Lazio, mentre altri paventano che io possa aiutare la società di Lotito. Non scherziamo”. L’estratto di un’intervista del luglio del 2006 a Il Giornale si riferisce a Calciopoli: Sandulli, nel frattempo diventato membro della Corte Federale, si occupa del caso che ha infiammato quella estate. La Procura aveva sancito la retrocessione della Lazio in B con 7 punti di penalizzazione. La Corte d’Appello ammorbidì questa sentenza: niente retrocessione ma penalizzazione nella massima serie.

Lazio 2020/2021
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-03-2021


16 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Duca23
Duca23
2 mesi fa

Da vomito, dopo la “pagliacciata” sulla questione tamponi ora viene fuori pure questa sentenza che in qualche modo é come dicesse, che il giudice federale non puó fare altro che confermare il rinvio della partita, ma in pratica la Lazio é parte offesa della contesa, ma io dico, ma questa… Leggi il resto »

jerry
jerry
2 mesi fa

Bisogna proprio essere dei malandrini , nel volere a tutti i costi i 3 punti a tavolino, manco fossero soldi o chissà cosa, tanto il toro perde lo stesso, secondo me è solo una questione personale, comunque che vomito!!!!

angelo62
angelo62
2 mesi fa

mi ricordo l’affare padova-torino, dopo la sentenza di primo grado si gridò allo scandalo perchè il giudice era in qualche modo collegato a cairo, ed ora nessuno dice nulla ed essi si lamentano pure di essere stati truffati (oltrettutto dopo la faccenda dei tamponi, per la quale stiamo ancora aspettando… Leggi il resto »

L’avvocato della Lazio Gentile: “Udienza perfetta”

Juve, McKennie dà una festa e viola le regole anti-Covid: presenti anche Dybala e Arthur