L’ex giocatore della Juventus può avere accesso agli atti e scoprire il mistero dei milioni mancanti che deve ancora incassare

La situazione in casa Juventus si fa sempre più complicata. Con la richiesta di rinvio a giudizio, adesso Cristiano Roanldo può avere accesso alle carte dei pm, per chiarire il mistero dei 19,9 milioni di euro mancanti nelle sue casse. Gli inquirenti pensano che l’ex bianconero abbia una copia firmata della famosa carta. L’operazione Prisma, oltre alle plusvalenze fittizie, fa riferimento anche ai tagli degli stipendi durante il Covid, che hanno allegerito il bilancio della Juve. Ora il portoghese, impegnato con la sua nazionale a Qatar 2022, vuole indietro i soldi e si prospettano ulteriori sviluppi della vicenda.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-12-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

Intanto dopo CR71, sembra che voglia battere cassa anche ciaubala: 5 milioni

T
T
1 mese fa

Una cosa che non ho capito è, per quanto gli avessero dato un ingaggio folle, come facciano tre mensilità a cubare 20 milioni. Ad ogni modo, se ancora li deve avere e non trovano il modo di pagarlo per vie traverse, potrebbe in effetti dargli la “spallata” finale. Solo che… Leggi il resto »

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  T

Posso solo fare delle ipotesi:
– i 20 mln comprendono anche percentuali su introiti pubblicitari e altri bonus
– era pagato parzialmente in nero anche per le rimanenti mensilita’
– e’ tutto inventato e i gobbi hanno da sempre portato avanti una gestione finanziaria esemplare

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

In fondo ronalduccio e’ in una botte di ferro. Se i gobbi non l’hanno pagato, il fisco non puo’ neanche contestargli la mancata dichiarazione dei redditi e l’evasione fiscale per il pagamento in nero. Quindi il giocatore potrebbe avere tutto interesse a produrre agli investigatori la famosa “carta” (o scrittura… Leggi il resto »

Juventus, anche il Collegio Sindacale alza la voce: “Pareri del club non condivisibili”

Juventus, c’è anche il caso Raiola: in ballo anche 13,5 milioni di debito