Il patron del Toro vince la corsa al polo editoriale: Bonomi si ferma al 37,7%. L’ente dovrà chiarire alcune posizioni sulla possibile fusione RCS-Cairo Communication

E alla fine, vince Cairo. La lunga corsa a RCS ha un epilogo, ed è felice per l’imprenditore alessandrino, a cui gli azionisti del polo editoriale milianese hanno voluto affidarsi, rispetto al rivale, più finanziere e meno editore, quale Bonomi. Attraverso l’Ops, Offerta di Pubblico Scambio, Cairo è riuscito ad ottenere il 48,8% delle azioni, che aveva valutato circa un euro ad azione, tra conguaglio economico e quota di scambio con azioni della Cairo Communication.

Un gran colpo per il proprietario del Toro, che è diventato, nei fatti, il più grande editore italiano attualmente in attività: tra la Cairo Communication, La 7 e ora tutto il gruppo RCS (che comprende anche i quotidiani Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport), Cairo ha in mano un vero e proprio impero, e ora parte l’opera di risanamento dei conti del suo nuovo e ultimo acquisto, considerato da molti una vera e propria “macchia succhia soldi”.

Una sfida ardua, per Cairo, che ha in progetto una fusione con la Cairo Communication, a lungo termine. Ed è proprio questo uno dei punti su cui la Consob è chiamata a dare un chiarimento. Non è infatti chiaro se la parte sconfitta, cioè Bonomi, dovrà rinunciare al 37,7% delle azioni che sarebbe riuscita a guadagnare, oppure no. Per essere più precisi: non è ancora chiaro se chi perde di fatto non ha guadagnato nemmeno una delle azioni che avrebbe acquistato in questa cruciale settimana. Se così fosse, cioè se a Bonomi non spetterà alcuna azione, allora Cairo riuscirà a muoversi abbastanza indisturbatamente. Altrimenti, la forza “avversaria” sarebbe particolarmente forte, e potrebbe bloccare alcuni dei punti cruciali delle manovre finanziarie che ha in mente l’imprenditore alessandrino per sistemare i conti di RCS.

Si vedrà a breve. Intanto, Cairo festeggia. E ora, per sua stessa ammissione, avrà la testa leggermente più sgombra, potendosi occupare anche, e di più, del mercato. Petrachi, come sempre, aspetta un ok del presidente per muoversi. E non è un caso che Iago si stia avvicinando.

*** AGGIORNAMENTO ***

Bonomi ha annunciato che non farà alcun ricorso alla Consob. Cairo ha il controllo pressoché assoluto di RCS.


98 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
toroxever
toroxever(@toroxever)
5 anni fa

“tra 2 anni al massimo”….sorry………

toroxever
toroxever(@toroxever)
5 anni fa

E’ una buona notizia. 1.Come amministratore delegato di RCS dovrà delegare i suoi compiti nel TorinoFC, che sia la volta buona per un DG e un DT? O direttamente un nuovo presidente e organigramma più adeguato al Toro? 2.Come maggior editore italiano pensiamo davvero che ci possa portare svantaggi? Con… Leggi il resto »

mas63simo
mas63simo(@mas63simo)
5 anni fa

Infatti peccato che per il Toro non li caccia mi sembra evidente

Il Toro è arrivato a Bormio

Iago e Ljajic: Toro, è il giorno della verità