Calciomercato Torino / L’Inter è in prima fila per Bremer, ma non ha l’accordo con Cairo: il Toro non vuole fare sconti

“Non abbiamo ricevuto nessuna offerta ufficiale per Bremer. Parola di Davide Vagnati, direttore dell’area tecnica del Torino. Tra via Arcivescovado e gli uffici milanesi del presidente Cairo, però, la fatidica proposta se la aspettano, e la vorrebbero pure in fretta, in modo da incassare e reinvestire. Già, perché all’interno del club granata non c’è più nessuno che spera di rivedere Gleison al Filadelfia. Per la cessione è solo questione di tempo. Quanto? Probabilmente quello che ci metterà l’Inter per organizzarsi e far partire l’assalto. Lo attende il Toro, ma soprattutto il giocatore che – attraverso il suo entourage – ha da tempo raggiunto un’intesa di massima con i vicecampioni d’Italia.

L’Inter deve cedere: Bastoni può essere sacrificato

Quella verso Milano non è una strada spianata, sia chiaro. È però al momento quella più concreta, poiché – appunto – i contatti sono in piedi e mai si sono attenuati. L’Inter, per questioni di bilancio, ha però bisogno di cedere, o quantomeno di imbastire almeno un addio eccellente, che garantisca una plusvalenza. Il nome in cima alla lista, attualmente, è quello di Alessandro Bastoni: i nerazzurri puntano a venderlo per 60 milioni, magari al Tottenham di Conte. Lui non è convintissimo, ma “ci si deve adeguare”, per dirla con le parole del suo agente.

Cairo non fa sconti: la cessione di Bremer è fondamentale

Una volta che il discorso sarà avviato, allora partirà la trattativa con il Torino per Bremer, che l’Inter spera di aver ben indirizzato convincendo il giocatore. Per il club granata, però, gestire bene quest’addio è vitale: serve un’offerta importante, preferibilmente senza contropartite (anche se l’Inter ne avrebbe di gradite: Dimarco su tutte). Ne va della salute del bilancio.

Ecco perché, fin dalle ultime settimane di campionato, il club sta tentando la via dell’asta, per ora senza ricevere offerte al rialzo dai club che pure a Bremer sono interessati. Tradotto: l’Inter ha lavorato, e tanto, per accordarsi col giocatore, ma senza creare una corsia preferenziale col Torino, che guarderà altrove – in Premier League, soprattutto, ma occhio anche al Milan – se avrà la certezza di ricevere offerte migliori.

Gleison Bremer
Gleison Bremer
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 05-06-2022


35 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
toro e basta
toro e basta
29 giorni fa

Spero vivamente che Cairo non tiri sul prezzo come con Belotti. Va bene chiedere una bella cifra ma senza esagerare, sennò rischiamo di ritrovarci come con Belotti.
I bilanci non possono in alcun modo essere sanati con un solo giocatore

toro e basta
toro e basta
29 giorni fa
Reply to  toro e basta

Bisogna fare una seria programmazione

Andreas
Andreas
29 giorni fa

perché no Di Marco come contropartita + money. È proprio quello di cui abbiamo bisogno. Certo sono da valutare le cifre …

ardi06
ardi06
29 giorni fa

OT : se fosse vero quello che riportano alcuni giornalisti, la salernitana sarebbe pronta ad offrire 5 ml al Toro per Verdi. Se fosse vero, sarebbe un miracolo e se la nostra società o verdi non accettassero l’offerta sarebbe inspiegabile. Noi ci ritroveremo con 5ml e senza quasi minusvalenza, e… Leggi il resto »

Pedric
Pedric
29 giorni fa
Reply to  ardi06

Secondo te?

Scimmionelli
Scimmionelli
29 giorni fa
Reply to  ardi06

Come fai a dire che ci ritroveremmo “quasi senza minusvalenza”? Comprato a 22 e venduto a 5 significherebbe 17 milioni netti di minus a bilancio, mica noccioline. Magari avranno cominciato a spalmarli 2 anni fa, quindi saranno un po’ meno, pero’ anche fossero solo 10 sarebbero sempre tanti. Un sentito… Leggi il resto »

Arturo
Arturo
29 giorni fa
Reply to  Scimmionelli

Scusa, amico. Se tu comprassi un auto a 22mila euro, la usassi per tre anni e poi la rivendessi a 5mila, diresti che hai fatto una minusvalenza di 17 mila?

Joao Pedro, non c’è solo il Toro sulle sue tracce

Mandragora, tra Toro e Juve niente accordo (per ora): c’è una deadline