Buongiorno, finito il Mondiale Under 20: ora si pensa a futuro

di Giulia Abbate - 15 Giugno 2019

Alessandro Buongiorno è reduce dai Mondiali Under 20: buona la stagione del difensore che adesso deve pensare al suo futuro

Alessandro Buongiorno: 18 presenze in Serie B con il Carpi, una stagione positiva anche se terminata con una retrocessione in Serie C e i Mondiali Under 20. Il giovane difensore centrale ha certamente vissuto un’annata importante, con l’esordio nel calcio dei grandi, in una Serie cadetta che gli ha permesso di crescere e confrontarsi con una realtà che potrebbe essere la sua anche nella prossima stagione. Rientrato alla base, infatti, per Buongiorno è arrivato il momento di sedersi a tavolino e insieme alla società prendere una decisione in vista del suo futuro. Un futuro che, viste le premesse, potrebbe essere quello della definitiva svolta.

Buongiorno, il Mondiale Under 20: “Fiero di essere Italiano”

Mettersi in mostra in Serie B con il Carpi, nonostante l’esito negativo della stagione, ha certamente portato bene al difensore che dopo aver fatto la trafila nelle nazionali giovanili si è potuto confrontare con la realtà dell’Under 20 al Mondiale di categoria. Una bella soddisfazione anche se nell’unica partita disputata, quella contro il Giappone, ha rischiato di mettere in serio pericolo i giovani azzurrini causando il rigore poi parato dal Carnesecchi. Un brivido che comunque non macchia totalmente una prestazione tutto sommato buona.

Prestazione che il giocatore festeggia sul suo profilo Instagram dove affida ad un post il rammarico per non aver centrato la finale ma anche la soddisfazione di vestire la maglia azzurra: “Fa male, molto male uscire in questo modo – si legge sul suo profilo. Ma il calcio è anche questo: gioia e dolore, passione e speranza, vittoria e sconfitta. Usciamo da questa competizione sicuramente a testa alta e con la consapevolezza di aver dato tutto. E ora andiamoci a prendere la medaglia. FIERO DI ESSERE ITALIANO

E’ tempo di pensare al futuro: altro prestito in arrivo?

Ora, però, è venuto il momento di pensare seriamente al futuro. Un futuro che potrebbe portarlo ancora lontano da Torino, verso lidi che gli possano permettere di crescere ancora e mettere minuti ed esperienza importanti nelle gambe. Che Buongiorno sia un pezzo pregiato del vivaio granata è certo ed è proprio per questo che la società del presidente Cairo potrebbe optare per un nuovo prestito: una strada che consentirebbe al giocatore di trovare il giusto spazio, magari nuovamente in Serie B, e al Toro di valorizzare ulteriormente il proprio difensore.