Il Toro vuole rinforzare il reparto difensivo con un centrale veloce: la Samp non molla Silvestre e Vida resta un obiettivo

I primi mesi della stagione ’16-’17 hanno permesso al Toro di identificare le aree su cui intervenire nel mercato di gennaio, il reparto difensivo appare quello che più necessita di un rinforzo di spessore. Individuare il profilo giusto sotto il punto di vista sia tecnico che economico non è compito agevole, il difensore della Dinamo Kiev Domagoj Vida è da tempo nei radar della dirigenza granata. L’identikit tracciato da Mihajlovic porta alla ricerca di difensori di temperamento, che abbiano dalla loro anche esplosività e velocità: l’obiettivo è quello di affiancare a Castan un giocatore con queste qualità, in grado di completarsi al meglio con le caratteristiche del centrale brasiliano.

La difficoltà a reperire un giocatore del campionato italiano, che conosca a dovere la serie A e le insidie che questa nasconde, stanno portando gli uomini mercato del Toro a valutare il mercato estero, più rischioso ma se approcciato con lungimiranza più ricco di opportunità. Il profilo di Vida è conosciuto ormai da tempo, e nonostante qualche perplessità di carattere comportamentale, da un punto di vista puramente tecnico il difensore croato rappresenta la soluzione migliore e maggiormente gradita. Per quanto la Dinamo Kiev non abbia dato in queste settimane segni di cedimento ai tentativi del Torino di farne abbassare le richieste (quantificate in una cifra vicina ai 10 milioni di euro), i granata non hanno ancora desistito. Oltre a lui, resta viva l’opzione Simunovic, ma gli attriti della sorsa estate vanno superati e per ora l’ipotesi resta in stand-by.

Per quanto riguarda il campionato italiano, come annunciato, trovare l’elemento giusto continua ad essere un’operazione complicata: i pochi giocatori adatti a soddisfare le esigenze del Toro o non sono sul mercato, o sono già stati “prenotati” da altri club pronti ad investire cifre ritenute eccessive. I contatti avuti con la Sampdoria per il difensore Silvestre non hanno fino a questo momento attecchito a sufficienza per portare le trattativa a un livello più avanzato: i blucerchiati sono restii a lasciarlo partire nel mese di gennaio, e anzi vorrebbero che il difensore rinnovasse il contratto fino al 2018. Non è una chiusura, ma nemmeno un’apertura: il discorso potrebbe, eventualmente, riaprirsi la prossima estate, ma le esigenze del Toro di iniettare forze fresche nel reparto difensivo sono più impellenti.


98 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
5 anni fa

Interesse del Toro per due attaccanti giovani, un argentino e William Pottker capocannoniere campionato brasiliano a cui è però intetessato anche il Napoli. Ma perché chiedo io tutto l’interesse per gli attaccanti? Siamo senza o …….ciao gallo?

rimbaud
rimbaud
5 anni fa

poi mi chiedo con che faccia ci si possa ripresentare a trattare simunovic

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
5 anni fa
Reply to  rimbaud

Haha ci va Cairo….più faccia della sua.

rimbaud
rimbaud
5 anni fa

Infatti, miha ha chiesto de silvestri, che è costato 4 milioni, mica è arrivato gratis..
Quoto Hearteaux, difensore che secondo me potrebbe essere il degno erede di Glik

Ichazo, poche offerte in Italia: nuovo discorso con il Penarol

Toro, per Aramu c’è la fila: la Pro si rifà sotto, ma la A lo tenta