Fassone su Belotti: “Sarebbe bello avere uno tra il Gallo, Aubameyang e Morata”

46
CAMPO, 10.7.17, Torino, Stadio Filadelfia, Raduno e primo allenamento del Torino FC, nella foto: Andrea Belotti

L’ad del Milan, Marco Fassone, ha commentato le voci di mercato che riguardano anche l’attaccante del Torino, Andrea Belotti

Questa mattina il lancio delle nuove maglie del Torino, quelle della stagione 2017-2018, ha creato non poche discussioni tra i tifosi per l’assenza di Belotti come testimonial. Sullo sfondo c’è il calciomercato, che vede il Gallo protagonista di tante voci che vorrebbero il Milan, su tutte, a caccia del cartellino del bomber del Toro. Nel pomeriggio Belotti sarà schierato da Mihajlovic nella prima amichevole, quella contro la CasateseRogoredo, nel frattempo l’ad del Milan, Marco Fassone, ha parlato della questione centravanti, visto che la squadra di Montella ha bisogno di rinnovarsi in quel reparto. Alla domanda su chi, tra Belotti, Aubameyang e Morata possa arrivare in rossonero, così Fassone ha risposto.

“Quando rientreremo in Italia, imboccheremo la strada giusta. Stiamo tenendo aperte tutte le piste e faremo sicuramente qualcosa di bello. Sono stati fatti tanti nomi e di attaccanti fortissimi. Sarebbe bello avere uno tra Belotti, Morata o Aubameyang. Vedremo su chi cadrà la scelta, anche se ci sono nomi che ancora non sono emersi in maniera roboante sui media. Evidentemente stiamo pensando di fare ancora qualcosa in quel ruolo”, ha detto l’ad del Milan Marco Fassone.

46 Commenti

  1. Tutti a rompere coglioni x i nostri giocatori ne abbiamo già pochi buoni non vi basta quello che avete Cairo sveglia che qui andiamo serie B a forza di togliere e tu ti arricchisci intanto non abbiamo comprato nessuno valido

  2. Inutile fare annunci qui. Qui non si conta niente e il sito non conta nulla di nulla. Ma spero che, se dovesse partire il Gallo, come sembra, non sia inutile. Perché se dovesse essere inutile e cioè non ci si sarà una rivolta, allora sì che avremo il danno, e allora sì che Cairo non ce lo togliamo più. Io non credo che sian tifosi il leccapiedi di Cairo. E’ una forma di tifo malata, paurosa; assomiglia all’idea di calcio di Ventura. E’ più paura di perdere. Non c’è vita in loro, e si vede.

    Spero, se succede, che non sia invano.

  3. @jerry,

    70ml+2 giocatori, Belotti sarebbe già la a Milano da tempo.

    Questa e’ la stessa storia di Cerci….20 poi 16 poi chissà ..! Cosa sono stati alla fine 14ml..???
    Ci hanno fatto credere che fu Cerci ad andarsene..ultimo giorno, dopo che per tenuto per un mese in naftalina per preservarlo.
    Operazione fatta, tirando in pubblico un post della moglie, che letta meglio forse spiegava già all’epoca la cosa.

    Ci hanno fatto andare contro, forse l’ unico giocatore che si era legato al Toro..per carità a 2.5ml se ne sarà fatto una ragione.

    Ma il caso Cerci nel suo sviluppo negli anni , fino al fatto che poi oggi va a Verona, va letta per quello che è stato!

    Cairo tirerà ancora, tirerà anche sul valore di Niang

    Perché il prossimo anno faremo il campionato per lui e forse un Donsah qualsiasi, più e’ basso il valore con cui sono messi a bilancio e più la plusvalenza è possibile.

    Poi parlerà di E.L.la gazzetta e sua ci può scrivere tutte le vaccate che vuole,

    Perché altrimenti partiremmo tutti depressi, e poche tessere.
    Ma soprattutto perché cosi darà un calcio in culo al Mister se dovessimo impantanarsi a metà classifica!

    Quest’anno Un vero TIFOSO DEL TORO NON PUÒ RIMANERE impassibile a sto cazzo di progetto!..

  4. Toro è Maglia e Fede. Toro è il cuore in gola quando dalle casse dell’autoradio senti che Carlo Nesti chede la linea dal Comunale. Toro è un 2-2 a Venezia. Toro son 3 legni ed una sedia in cielo. Toro è un 2-0 che non serve a nulla. Toro son 3 min e 40 secondi. Toro son 3-0 e 2-5… Toro è Filadelia, è Superga, è Italia, Brasile, Argentina, …è il Mondo. Toro siamo Noi e il nostro cuore. Chi vuole il Toro resti e sarà amato. Chi non lo vuole cerchi altro e altrove.

  5. Ieri su radio sportiva, si menzionava che più passa il tempo e più il prezzo di Belotti scenderà…Già e’ crollato…
    Bastato metterlo sul mercato senza clausula…

    Più passa il tempo e più Belotti incomincerà a calpitare per andarsene e più Cairo dovrà accettare l’offerta del Milan, che in realtà l’unica…si parla che alla,fine saranno non piu di 50-60 compresi le contropartite..che Niang valutano 15ml…

    Perché non arriva Zapata o Simeone…direi che e’ lapalissiano…
    Con 20ml si prendono…aspettiamo Niang???

  6. Chissà che seghe stasera Cairo … riciclo il pensiero di tutti. Noi tutti vorremmo tenere Belotti ma il problema non è tenere Belotti. Con i 40 milioni di Peres,Glik,Maksimovic noi già oggi avremmo dovuto avere 4 buoni nuovi acquisti. I 100 milioni o 80 di Belotti fanno la medesima fine. Cairo ci ha dato una dimensione è da questa non esce neppure con 140 milioni da investire sul mercato. Il problema non è Belotti ma la Cairese di Cairo. Mai più allo stadio. Mai più. Ma neanche questo lo toglierà dai coglioni. Serve qualcosa di forte da parte di una piazza morta e dormiente.

  7. Sarebbe bello,certo.
    Il problema è che io,pur adorando il Gallo,per 100 mil lo porterei in spalla fino a destinazione.e forse pure per 85.
    Ma l’offerta dei facoltosi (???) strisciati mi pare attestarsi su 45 mil più Paletta e Niang.mi pare siamo molto lontani…

  8. La penso come VM8
    Se lo vendono (o se ne va x me non cambia niente ) basta abbobamento(gia evitato l’anno scoso) basta partite occasionali (già evitate l’anno scorso ) e basta toro.it,ToroNews ,commenti sui siti,Tuttosport ,Chi, Novella 2000 e altre puttanate varie.
    Sarebbe bello vederlo far fatica ad arrivare a 1000 tessere, giusto i vermi venduti della curva che ancora gli leccano il culo x i biglietti gratis.
    Facciamo qualcosa da Toro almeno noi c***o!!

  9. Ci toccherá prendere Niang l’uomo che frequenta il tranx.Che tristezza.Niang per Belotti e Paletta.Diamo al milan una certezza per due esuberi.
    Ma urbano è bravo è buono e non ci farà fallire.Ahahaha Patetici.

  10. Belotti è gia del Milan.Tutto fatto in via ufficiosa.L’ufficialita verrá data non appena il Toro prende la punta e la maggioranza dei tifosi sarâ in vacanza.Quindi la settimana centrale di agosto.Ma lo Squallido non prende 100.000.000 come aveva sempre detto.Non ne prende nemmeno 70.

  11. Ma poi qual’è il ptoblema? Non è che il Milan dia a Belotti 10 milioni/anno. Gli hanno proposto 3,5. Bracciamozze dagliene 3,0 × quest’anno e vedi se è cosi voglioso di andarsene ora . Magari con lui e Zapata qualcosa lo puoi vincere pidocchio, magari una fallisce e ti trovi in EL con 3 milioni di investimento (1,5+1,5 di tasse). Hai ancora i soldi x i seggiolini e non fai una figura di merda…..poi il prossimo anno si vedrà…ma mancano 12 mesi, babbione….tanto a meno di 50 non lo venderai nemmeno nel 2018.

  12. uaoh, il terzo articolo sul gallo in mezza giornata e tutti e tre a dire le stesse cose e cioè:
    Belotti verso il Milan.
    Riciclo anche io il mio commento, allora.

    Secondo me Morata e Aubameyang non rinunciano alla CL per i preliminari di EL quindi rimane da prendere solo il gallo. Il gallo costa troppo però, e allora ci frantumano i …. per avere sconti.

    Aggiungo che il gallo mi auguro che resti, come spero la pensino così gli altri tifosi granata.
    Poi se sarà effettivamente ceduto, ma questo ad ora non si sa, mi aspetto una campagna acquisti degna dei soldi ricevuti dalla società.
    Tutto il resto è noia (cit.).

  13. Incrociate le dita e sperate di andare in CL che sennò altro che Belotti e Morata… vi toccherà rispolverare Virdis. Che schifo di calcio: indebitati fino al collo a tassi da strozzinaggio e spendono come nulla fosse. Ptu’💦

    • A me fa più schifo cairo che, pieno di denari e senza debiti, non fa un acquisto utile a fat crescere la squadra verso obiettivi sportivi veri, ma barboneggia a destra e a manca per farsi regalare o svendere esuberi altrui. Il tutto mentendo continuamente e spudoratamente ai tifosi.

    • Che schifo di mondo, direi, Mimmo. Da quello che ho capito, il rischio è ben calcolato e sarà molto difficile che si ritrovino nella necessità di richiamare l’ex bomber sardo, oggi dedito al vino ( nel senso che ha un’enoteca!).
      Lo schifo sta nel fatto che tutta questa giostra è mossa da quel sistema finanziario che manda ciclicamente a soqquadro tutto il mondo, perchè alla base di questi giri alla fin fine vi è l’economia reale, ossia il lavoro e il risparmio: mortificando questa per esaltare quella finanziaria, pur dipendendo quest’utlima dalla prima, si va poi verso un cortocircuito in cui a pagare non sono Elliot, Li o altri, che sanno per primi quando la nave affonderà, essendone loro una delle casue, ma chi lavora o non riesce a lavorare, pur volendolo.
      Il Milan in questa partita di giro è come se fosse un lavoratore fortunato, esente dagli sbalzi di questo mondo; anzi, in qualche misura prova ad avvantaggiarsene.

      • Ma infatti la mia critica è verso queste regole che tali non sono. Il Milan le sfrutta avendo avuto la fortuna (sfortuna?) di essere stato “scelto” come un gratta e vinci. Se andranno in CL avranno vinto, in caso contrario piangeranno i tifosi perché il ridimensionamento sarà imposto e sanguinoso. Queste regole assurde infatti non conteggiano i denari che la proprietà andrebbe eventualmente a immettere per ripianare ma si basano sul fatturato. Trovo assurdo consentire a una società di rischiare così tanto, ancor di più se per farlo si indebita fino al collo. Insomma, debiti certi a fronte di fatturati ipotetici. Tipo roulette russa: il proiettile c’è ma si spera non tocchi a te. Assurdo.

        • Il discorso non è economico, Mimmo. Il Milan azzarda, perchè sa che la mannaia del fair play gli cadrà comunque sul collo, che si limiti a tre o si estenda a 10 giocatori. Il fatto è che ha una serie di paracaduti molto potenti, che non la faranno mai schiantare.
          Il problema, discorsi extracalcistici a parte, secondo me sta nell’antisportività di questo comportamento, oltre che nell’ipocrisia della Uefa, la quale, non intervenendo subito, permette alla società più potenti ( è Milan lo è, anche solo per il marchio, ma lo stesso fatturato attuale è una discreta garanzia di partenza ) di svilupparsi a debito in una botta sola ciò che avrebbe fatto in tre anni, eludendo così il vincolo. L’economia per me è salva, è la sportività che finisce nel cesso, con l’onorabilità di chi lo permette.

          • La sportività è nel cesso da anni ormai. Tu dici che l’economia è salva? Per me no, per niente. Salvo che poi non cambino le regole. Ma visto che hanno già colpito Barca Atletico Roma e Inter (esempio) qualche dubbio ce l’ho.