Pesa l’investimento non ripagato di circa 9 milioni, ma per il Torino il centrocampista venezuelano non è cedibile. Rincon dovrà riscattarsi dopo un’annata sotto tono

Trent’anni compiuti a gennaio, e un obiettivo calcistico ben definito: riscattare una stagione piuttosto deludente. Tomas Rincon sa bene di aver fatto vedere molto poco di quello che realmente può dare al Torino, ne è consapevole. Non che la sua annata sia stata da bocciatura senza appello, ma nemmeno si può dire che il centrocampista venezuelano, classe 1988, abbia fatto un buon campionato. Ci si sarebbe aspettati molto di più; il Torino, da Rincon, si sarebbe aspettato molto di più. Ma non per questo c’è l’intenzione di lasciarlo partire nella prossima parentesi di calciomercato. Salvo offerte clamorose che, in questo momento, proprio non si vedono.

Calciomercato Torino: Rincon, stipendio da 1.2 milioni di euro. Contratto blindato, il Toro lo conferma

Ecco dunque che gli scenari sul centrocampo del Torino per il prossimo anno, anche in ottica di discorsi di calciomercato, parlano chiaro: Tomas Rincon difficilmente andrà via. Arrivato dalla Juventus la scorsa estate per 3 milioni di euro, è stato riscattato il venezuelano per la bellezza di 6 milioni, dopo 15 gare disputate. Riscatto obbligatorio e stipendio da 1,2 milioni di euro netti. Cifre che, purtroppo, non sono state ricambiate dai fatti: in 34 gare giocate (praticamente sempre da titolare), Rincon ha segnato una sola rete finora, in casa della Lazio, per quella che probabilmente è stata la sua migliore partita stagionale. Poi, poco altro. O meglio, molto meno di quello che ci si sarebbe potuti aspettare.

Toro-Rincon, la fiducia resta: il centrocampista difficilmente saluterà in estate

Nonostante questo, l’idea del Torino è quella di non privarsi del centrocampista pagato tanto la scorsa estate. Mazzarri, che ha avuto modo di valutarlo per bene in questi mesi,  vuole comunque poter contare su di lui, sia come mastino nel centrocampo a due, sia come difensore aggiunto, o playmaker basso, in quello a tre. Il calciomercato, insomma, non sembra riguardarlo più di tanto. Ma la stagione che sarà dovrà essere molto diversa, per lui. E questo, Rincon lo sa bene.


20 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
davidone5
davidone5
3 anni fa

Voluto da mihajlovic, errore di mercato. Giocatore con poca qualità che commette sovente errori anche tattici e che tecnicamente è modesto. Va considerato una riserva anche perché vendendolo oggi sarebbe una grande minusvalenza.

Santin1976 (W la Gang del Bosco)
Santin1976 (W la Gang del Bosco)
3 anni fa
Reply to  davidone5

Prima avevamo gazzi e basha voluti da ventura. io tengo il generale tutta la vita

gabbo
gabbo
3 anni fa

visto questa stagione mi è sembrato che gli sia mancata soprattutto la n finale nel cognome…

Enzo
Enzo
3 anni fa

Il Rincon ammirato al Genoa purtroppo non è pervenuto. Mi auguro che se confermato, il prossimo hanno dia un contributo più sostanzioso e concreto. Va bene lo sguardo truce e determinato ma quello proprio non basta per fare la differenza in campo. Poi, per quanto riguarda l’imminente mercato, solo una… Leggi il resto »

Cairoforever ( Rob 62 )
Cairoforever ( Rob 62 )
3 anni fa
Reply to  Enzo

È bello avere speranze, ma non penso che ti ascolti.
Se qualche risultato lo raggiungeremo sarà per puro caso e non per investimenti tali da far alzare in maniera sostanziale il livello tecnico della squadra.
Ovviamente spero di sbagliarmi ma fino adesso questa volontà si è vista poco.

Bischero
Bischero
3 anni fa
Reply to  Enzo

Bravo.

Calciomercato Torino: Balotelli, c’è l’ostacolo ingaggio da superare

Bava, dalla Primavera alla seconda squadra? Il Torino ci pensa, ma il bando va studiato