Belotti, il Milan non lo molla e prepara già l’assalto per l’estate

31
Belotti
CAMPO, 29.11.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Coppa Italia, TORINO-CARPI, nella foto: Andrea Belotti

Dopo la pausa il Gallo tornerà a disposizione di Mazzarri, nel frattempo riparte il tormentone sul suo futuro: è un sogno del club rossonero e piace anche in Inghilterra

Walter Mazzarri presto potrà iniziare a provare i suoi schemi offensivi potendo contare anche su Andrea Belotti: l’attaccante infatti, salvo complicazioni, dopo la pausa dovrebbe tornare a disposizione del tecnico. In questa seconda parte di campionato il Torino spera che il centravanti torni a segnare con la stessa continuità avuta la scorsa stagione per poter così centrare più facilmente l’obiettivo della qualificazione all’Europa League. A fine anno (calcistico) tornerà poi inevitabilmente a farsi sentire quotidianamente il tormentone sul futuro del Gallo, anche se le prime note sono già nell’aria. Belotti è infatti sempre un sogno di mercato del ds del Milan Massimiliano Mirabelli che, nonostante al mercato estivo manchi ancora molto tempo, è già al lavoro per studiare un piano che possa permettere ai rossoneri di acquistare l’attaccante.

Molto dipenderà da come finirà la stagione della squadra di Gennaro Gattuso: se il Milan non dovesse qualificarsi a nessuna coppa europea, a quel punto sarebbe molto complicato, se non addirittura quasi impossibile, per i rossoneri reperire i fondi necessari per convincere Urbano Cairo a vendere Belotti. Senza coppe continentali è infatti improbabile che il Milan dia vita la prossima estate ad un’altra sessione di spese pazze per rinforzare la rosa, considerate anche le difficoltà che ora sta riscontrando con l’Uefa per il mancato rispetto delle regole riguardanti il Fair Play finanziario. Ma quella di una stagione con il Milan fuori da tutte le coppe è un’ipotesi che nel club rossonero al momento non vogliono neanche considerare: d’altronde la squadra di Gattuso è a due punti dal sesto posto in campionato, è qualificata alle semifinali di Coppa Italia e ai sedicesimi di finale di Europa League (in caso di vittoria del trofeo otterrebbero automaticamente il pass per la prossima Champions League). Al di là di come finirà il campionato, appare comunque improbabile che il Milan possa arrivare a offrire i 100 milioni previsti dalla clausola rescissoria per Belotti.

La società rossonera non è però l’unica interessata all’attaccante granata: dall’Inghilterra giungono infatti voci di un Belotti sempre più nel mirino del Manchester United per la prossima stagione. Al presidente Cairo non resta che accelerare le trattative per in rinnovo del contratto del suo attaccante: un prolungamento con annesso adeguamento dell’ingaggio potrebbe servire ad allontanare qualche pretendente dal Gallo.

31 Commenti

  1. Io nn riesco a spiegarmi come una società come il milan che sta inguaiata con i parametri Uefa…possa pensare di spendere se poi nn hanno neanche un € x piangere…parma nn ha insegnato niente…prima tutti scandalizzati xké la Uefa la escluse dalla coppa.. poi a bocce ferme venne fuori tutto…bhoooo

  2. @Vanni stai tranquillo che sia il Gallo che Adem se ne andranno SOLO su accondiscendenza del mister….e, sopratutto in caso di Europa League raggiunta, questo almeno per un altro anno non succederà …Certo che poi qua dentro fa sempre male leggere di gente che sarebbe d’accordo con l’addio ai pochi piedi buoni o figure carismatiche che abbiamo , semplicemente perché di calcio NON capiscono semplicemente una mazza ….

  3. Mimmo come vedi c’è gente che… e se ne vada.
    Per me questo Toro migliore dell’ultimo secolo siamo in procinto di non vederlo neppure più. Figurati cosa ci aspetta.
    Niente da fare, finché non arriverà un Al Cairao, del vecchio Toro manco più il profumo. D’altra parte, giustamente come dici tu, giocatori così non sono da rimanere qui e neppure ben visti dalla nostra tifoseria attuale. Sono dei marziani rispetto ai pipponi degli ultimi 20 anni. La gente dice: non è da Toro….Questo eh.

  4. gooolster 12 gennaio 2018 at 8:15: “……sinceramente non vedo l’ora che si leva dalle scatole, cosi la finiamo.”

    Sinceramente, non vedrei l’ora che certi gobbi prezzolati si levasserodai siti granata. Ma so che è speranza vana e quindi vi teniamo per forza qui. ma con la qualifica di gobbi

  5. Il milan di oggi assomiglia molto al loro dirigente che si occupa di mercato: di fatto è l’ombra di quel grande club che eraera una volta. Non per niente Belotti questa estate ha rifiutato di andarci a giocare (l’accordo fra i due club c’era già). Il milan di oggi è una squadra triste, con poco appeal, e nessun grande giocatore ci andrebbe a giocare. Un tempo il club era noto per la consistenza societaria ed i trofei vinti, oggi è celebre per avere speso 236 milioni male come nessuno nella storia del calcio. SI parlava di milan con rispetto e ammirazione, oggi si scherza sulla totale incompetenza dirigenziale, per non parlare di cosa succederà a giugno. (hanno un leggerissimo debito da saldare). E ora vogliono Belotti questa estate? A giugno sarà già tanto se il fondo appartenente non deciderà di pignorare Milanello..Che pensino a trovare i soldi per pagare lo stipendio a Cutrone..

  6. Se Belotti tornerà a fare il Belotti scordiamoci che resterà un anno in più qui. Credo che si stia ancora mangiando le mani per aver firmato quella clausola. Basta poco per cadere in basso e confermarsi è già di per se difficilissimo. Al Gallo è successo di tutto da Aprile 2017: cambio modulo che lo penalizza, involuzione della squadra, infortunio lungo, esclusione dai mondiali… Avrà imparato la lezione: certi treni quando passano vanno presi e basta. Da tifoso sono egoisticamente contento della sua scelta ma non so quanto lo sia lui da professionista. Credo che in un solo caso possa decidere di restare: adeguamento d’ingaggio e prestazioni superlative della squadra da qui a fine anno, con gioco, gol suoi e conquista dell’Europa.

  7. Specialmente adesso che c’è Mazzarri non lo venderei neanche l’anno prossimo. Secondo me l’interessamento di mourinho per Belotti dipende dal fatto che a mourinho interessa veramente dybala e che i gobbi vogliono Belotti per il dopo higuayn. Se lo vendessi al manchester inserirei la clausola che impedisce nei prossimi 3 anni la vendita ad una società italiana.

  8. ma BASTAAA con sti articoliiiiiiiii
    il GALLO non si muoveeee!!!
    Il milan sta per fallireeee e di cosa vuole non ce ne frega una beata favaaaaa
    A noi interessa chi il TORO compra e chi vuole vendere, a noi interessa sapere come il TORO si rafforza, se si rafforza, sul mercato….noi vogliamo sapereeee quando caxxo inizieremo a vincere qualcosaaaaaa!!!!
    CAPITOOOO???

  9. Per comprare ci vuole grana, e il banco di Urbanetto è sempre molto caro, tra l’ altro il Milan in coppa non va.
    Piuttosto ho sentito su Sky che l’ agente di Baselino sta parlando con il Siviglia.

  10. Cairo vuole vendere Belotti all’estero per 100 milioni, intascare la plusvalenza del secolo e alla fine dire “ha scelto lui, io con la clausola non potevo farci niente. Scordatevi trattative, scordatevi l’Italia e, soprattutto, scordatevi il Milan.

  11. quando si dice nati con la camicia, si parla di lui solo per rinnuovi/adeguamenti del contratto e per gli infortuni, le poche volte che gioca è distratto dalle immancabili voci di mercato e/o per l’imminente rinnovo…sinceramente non vedo l’ora che si leva dalle scatole, cosi la finiamo.