Calciomercato Torino / Il centrocampista lascia il Toro e si accasa in Sicilia. Farà il giro inverso il figlio d’arte Corona

Si conclude l’esperienza di Jacopo Segre al Torino. Il centrocampista si trova già a Palermo ed è ufficialmente. Sul piatto un triennale e la centralità nel progetto, cosa che il Torino non gli poteva garantire. Segre torna così in serie cadetta, dopo l’ultima stagione trascorsa nelle fila del Perugia. Non sarà un altro prestito. Questa volta va via, a titolo definitivo. Ad acquistarlo una società ambiziosa, che con questo acquisto dimostra di voler subito togliersi soddisfazioni in una piazza calda come quella del capoluogo siciliano. Farà il viaggio opposto il classe 2004 Giacomo Corona attaccante, figlio del bomber Giorgio Corona, che si aggregherà alla Primavera di Giuseppe Scurto.

Jacopo Segre
Jacopo Segre
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 23-08-2022


21 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

Leggo e riporto: la san Pier d’arena-doria rimane sempre alla ricerca di nuovi compratori per la cessione delle quote di maggioranze. Secondo Il Sole 24 Ore i debiti ammontano ad oltre 110 milioni di euro. Congratulazioni e poi ci tocca sentire mute di zerotreini che abbaiano “vuoi mica fallire?”

Andreas
Andreas
1 mese fa

ma perché nelle cessioni “a basso costo” non mettono mai le cifre! Spero non sia uno scambio alla pari

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  Andreas

Non credo. Anzi per Segre si parla di un diritto di recompra a due anni

AT72
AT72
1 mese fa

Il prezzo del trasferimento suo e di Millico si sa?

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  AT72

Con Millico che era in scadenza che cosa vuoi avere preso?
La domanda pero’ e’ un’altra. Premesso che con le nuove regole sui prestiti non puoi tenere decine di giocatori sotto sale che vanno in prestito ogni estate ad una squadra diversa, tu che cosa avresti fatto?

Calciomercato Torino, Verdi (fuori dal progetto) aspetta la Salernitana

Barrow, messaggio al Torino: ma il Bologna spara alto