Simone Zaza continua a non convincere: rendimento al di sotto delle aspettative. Dopo il riscatto (obbligatorio) può partire: a meno che…

Ventitré presenze tra campionato e Coppa Italia, 1294 minuti di gioco e due reti: questo il bilancio al Torino di Simone Zaza. Un bilancio a dir poco sotto le aspettative per un giocatore arrivato a Torino con l’obiettivo di rilanciarsi in Serie A dopo l’esperienza all’estero e portato sotto la mole dalla società granata non certo per occupare uno slot in panchina. Eppure, l’attaccante ex Sassuolo non è ancora riuscito, a distanza di più di un girone dal suo esordio, a dare segnali che possano far pensare ad una reale svolta. Certo i minuti giocati nelle singole partite non gli hanno concesso una gran continuità di gioco ma è altrettanto evidente che il vero Zaza lo si è visto solo contro il Chievo: unica vittima dell’attaccante sia nella sfida di andata che al ritorno. Adesso, però, il tempo per invertire una stagione con pochi scampoli davvero positivi comincia a scarseggiare e il Torino potrebbe pensare di cambiare i propri piani anche per il futuro. A meno che nelle prossime giornate per l’attaccante non ci sia la vera svolta.

Zaza, incognita futuro: il Toro potrebbe rimetterlo sul mercato

Prestito con obbligo di riscatto a cifre che per il Toro sono tutt’altro che indifferenti: 2 milioni per il prestito oneroso, 12 per il riscatto nel giugno del 2019. Un riscatto che non significherà per forza permanenza.

Quello che è certo è che mancano 10 partite alla fine della stagione: se vuole far cambiare idea a Mazzarri e a tutto il Toro Zaza deve accelerare e farlo subito. Incappare in altri passi falsi potrebbe costargli la permanenza in granata.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-03-2019


27 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
2 anni fa

Io mi vergogno di vedere la maglia di Pupi addosso a sto gobbo , e mi vergogno che in società non ci sia stato nessuno che ha pensato che non fosse il caso; e questo è la prova lampante che nessuno tre Cairo Petrachi e Mazzarri ha minimamente idea dell… Leggi il resto »

Pedric
Pedric
2 anni fa

Il 17.8.2018 l’arrivo del gobbo, mattatore del Chievo, ha certificato la fine anticipata della stagione sportiva 2018-19, ma soprattutto ha certificato come l’Effeci sia una strumento di relazione extracalcistica di Cairo nonché costola gobba. Speriamo che il triangolo gobbo possa chiudersi col Sassuolo, così almeno da non vederlo più con… Leggi il resto »

Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
2 anni fa

14 testoni di riscatto obbligatorio e 2 annuali di stipendio.
Ljajic ceduto per 7.

In un posto normale qualcuno ci avrebbe rimesso il posto, invece alla cairo football club si guadagnano le conferme a colpi di cagate.

Dalla Germania: su Cutrone c’è anche il Borussia Dortmund

Petrachi ds per convincere Conte: l’idea della Roma