Le punte di Midtjylland e Inter sul taccuino di Vagnati. Il dt ascolta offerte per le partenze di Pellegri e Sanabria

Con gli imminenti 40 milioni che il Napoli verserà, per far suo Alessandro Buongiorno, nelle casse del Torino, ora l’attenzione della società granata si sposta sul mercato in entrata. I profili per cui si sta muovendo con maggiore urgenza il dt Davide Vagnati riguardano la fascia mancina e il reparto offensivo. Welington il principale obiettivo per colmare un vuoto che perdura da tempo a sinistra, mentre più avanti i nomi più caldi sembrano essere quelli di Franculino del Midtjylland e Francesco Pio Esposito dell’Inter.

Franculino, il Midtjylland chiede di più

Franculino, attaccante classe 2004 originario della Guinea-Bissau, si è reso protagonista nella vittoria da parte del suo Midtjylland del campionato danese, offrendo un contributo di 11 gol e 6 assist in 27 uscite. Una prima punta all’occorrenza in grado di agire da spalla di attaccanti più strutturati, riuscendosi a ritagliare spazio per rientrare da destra e liberare il mancino. Un pezzo pregiato per il club danese. La richiesta si aggira infatti sui 15 milioni di euro, mentre l’offerta del Torino non arriva nemmeno alla doppia cifra. Vagnati ha messo sul tavolo 8 milioni più bonus. In programma un prossimo incontro.

A Vagnati piace anche Esposito

Il Torino intanto continua a monitorare Francesco Pio Esposito, attaccante di proprietà dell’Inter, nell’ultima stagione in prestito in B allo Spezia, dove è riuscito a mettere a segno 3 reti in 38 presenze (di cui la maggior parte da subentrato). I granata sono sulle tracce del ragazzo che recentemente, il 28 giugno, ha compiuto 19 anni. Lo stesso Vagnati ha confermato di apprezzarne le qualità. L’Inter sarebbe aperta alla cessione, da conoscere però le modalità. Non è infatti escluso l’inserimento del diritto di recompra da parte dei nerazzurri.

Prima c’è da fare cassa

In precedenza all’inserimento di nuovi interpreti nel reparto offensivo, il Torino valuta i giocatori di cui attualmente dispone in rosa da schierare in coppia con Duvan Zapata. Pietro Pellegri e Antonio Sanabria si stanno allenando sotto gli occhi di Paolo Vanoli, ma la loro partenza è tutt’altro che esclusa. L’attaccante italiano è sicuramente il principale indiziato alla cessione, alla luce del contratto in scadenza la prossima estate, ma Vagnati resta tutt’orecchie anche per il paraguaiano. Si cerca di fare cassa e poi, successivamente, rimpolpare l’attacco con i nuovi obiettivi.

Pietro Pellegri
Pietro Pellegri
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-07-2024


49 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Bergen
Bergen
9 giorni fa

Ecco che con Fanculino finalmente intravvedo una strategia.
Così quando ci saranno i cori all’Olimpico sembrerà un’incitazione …

Pedric
9 giorni fa

Ragazzi la bocciofila cairesca ha le pezze al kiulo. Dopo la cessione di Buongiorno, un po’ meno, ma tra i pochi soldi e l’imbecillità di quelli che fanno mercato, la stagione si preannuncia complicata.

cari53
cari53
9 giorni fa

Ma veramente qui c’è gente che crede che Cario investe i soldi di Buongiorno regalato al Napoli ….
E già tanto se investe 5%

Urbano XV
9 giorni fa
Reply to  cari53

Se non li dovesse investire li troveremo in conto a fine anno. Se non ci saranno vorrà dire che son stati spesi. Se son stati spesi dovresti correggere la tua affermazione senza senso matematico e contabile. Il tuo compito da zerotreino è dire che vengono spesi in pippe non dire… Leggi il resto »

eugenio63
9 giorni fa
Reply to  Urbano XV

GD ancora tu ? Fatti un giro in autostrada a giocare con le biglie , durante il prossimo weekend di esodo, almeno ti levi dai coglio.ni definitivamente !

Bologna65@
Bologna65@
9 giorni fa
Reply to  eugenio63

👏👏👏

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Reply to  Urbano XV

Hola GD, ma la tua amichetta in autoreggenti?

eugenio63
9 giorni fa
Reply to  cari53

Concordo assolutamente con la tua rassegnata quanto realistica previsione..

Tessmann come Welington, c’è ancora uno spiraglio: il Torino ci prova

Buongiorno al Napoli, slittano a venerdì le visite mediche e la firma