Ieri il centrale è stato tra i migliori contro il Benfica. De Laurentiis lo mira, Cairo frena e Mihajlovic lavora per convincerlo a restare

La bella partita disputata ieri da Nikola Maksimovic, non fa che confermare quello che già in casa Toro si sa da tempo: il difensore, quando è sul pezzo, è davvero un valore aggiunto per la squadra. E in una retroguardia dove “si è cambiato molto”, come ha sottolineato anche Mihajlovic, può fare la differenza. Lo sa bene proprio l’allenatore granata, che non a caso a Bormio aveva speso qualche parola per lui: più bastone, che carota, per spronarlo a non lasciarsi distrarre dalle voci di mercato – che da qui al 31 di agosto saranno inevitabili – ma di pensare solo a fare bene in campo. Con la maglia granata addosso.

I più recenti avvenimenti di mercato in casa Napoli, particolarmente turbolenti, hanno portato a un’impennata di voci sui possibili affari in entrata di De Laurentiis, che da oltre un anno continua a fare la corte proprio al classe ’91, che l’anno scorso Cairo decise di non vendere ai partenopei data la proposta di acquisto non consona. E con Koulibaly possibile uscente, Maksimovic sembra perfetto per sostituirlo. Si aggiunga che il discorso per Valdifiori non resta in piedi, ma di più, e il possibile gioco è fatto.

Possibile, appunto, perché Cairo in questo momento appare, in sintonia con il suo allenatore, tutt’altro che convinto a lasciar partire l’ex Stella Rossa. Anzi, anche di recente il patron granata aveva espresso un parere piuttosto netto (“Deve restare con noi” disse), anche per rilanciarlo dopo un campionato disputato, un po’ come tutta la squadra, sotto tono. Da un lato, c’è e resta intatto l’interesse del Napoli; ma dall’altro c’è la volontà del Toro di tenere duro, a meno che non arrivi un’offerta monstre, davvero capace di cambiare le carte in tavola. Un mese (poco meno, anzi: privarsene al fotofinish sarebbe un azzardo troppo alto) di possibile telenovela di mercato attende Maksimovic, il Toro, il Napoli e i relativi tifosi.

Mihajllovic dovrà essere bravo due volte a continuare a toccare i tasti giusti, affinché quella che è attualmente l’intenzione del club di via Arcivescovado (la permanenza in granata), diventi una consolidata realtà. Nessuno è insostituibile o incedibile nel calcio moderno. Vero, ma forse per li difensore un piccolo strappo alla regola si potrebbe fare. La volontà, per ora, sembra proprio quella.

TAG:
maksimovic Mihajlovic valdifiori

ultimo aggiornamento: 28-07-2016


87 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
maxthevoice
maxthevoice(@maxthevoice)
5 anni fa

Non so se qualcuno lo ha già scritto, ma dare via Nikola per Valdifiori – 30 anni, ricordiamocelo – pur se con congruo conguaglio, mi ricorda tanto lo scambio Vieri – Petrachi…

maximedv
maximedv(@maximedv)
5 anni fa

Ma se Koulibaly sembra che stia rinnovando in queste ore, quale partenza?

filaforever
filaforever(@filaforever)
5 anni fa

I terzini bloccati sono teorie di questo forum non del 433

maximedv
maximedv(@maximedv)
5 anni fa
Reply to  filaforever

Dany alves era bloccatissimo nel barca. Non superava mai il centrocampo… 🙂

carbonaro doc
carbonaro doc(@carbonaro-doc)
5 anni fa
Reply to  filaforever

Non credo che si sia mai parlato di terzini bloccati qui nel forum, o forse mi è sfuggito. Quello che è stato messo in risalto, a partire dalle parole di mihajlovic a bormio, è che peres non sa difendere bene. Ora, in una difesa a 5 la cosa è meno… Leggi il resto »

Peres, l’agente sbarca ancora in Italia: in agenda c’è il Toro

Toro-Peres, incontro a Milano: Cairo non abbassa le richieste