Il passaggio di M’Baye Niang al Rennes non è ancora stato ufficializzato ma su Instagram Simone Edera ha già salutato l’attaccante senegalese

La cessione di M’Baye Niang al Rennes non è ancora stata ufficializzata ma un ulteriore indizio che l’affare si farà, come vi abbiamo raccontato nella serata di ieri, è arrivato nelle ultime ore dal profilo Instagram di Simone Edera. L’ex Primavera ha infatti pubblicato una foto, nella propria storia, una foto in cui saluta l’attaccante senegalese. “Grazie di tutto amico mio” è il messaggio che il numero 20 granata ha allegato ad una foto che lo ritrae proprio insieme a Niang.

Niang al Rennes in prestito con diritto di riscatto

Niang si trasferirà dal Torino al Rennes con la formula del prestito con diritto di riscatto a favore dei francese fissato a 15 milioni di euro, in pratica la stessa cifra spesa dal presidente Urbano Cairo per acquistarlo dal Milan. L’accordo tra la società granata e quella rossonera è stato trovato nella serata di ieri, dopo i tentativi andati a vuoto del Torino di vendere il giocatore a titolo definitivo già in questa sessione di mercato. Se Niang dovesse essere autore di una buona stagione, tra dodici mesi il patron granata potrà comunque rientrare della spesa fatta per acquistarlo dal Milan un anno fa.


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
AleGRANATAale
AleGRANATAale
3 anni fa

Bella notizia

rotor
rotor
3 anni fa

Te credo che abbia postato questo messaggio,la partenza di Niang gli regala un pochino di spazio in piu’.

spliff
spliff
3 anni fa

Un bel gesto. Ci sta. Noi alla fine nn sappiamo che tipo di persona è.. vediamo solo le partite e quello che non ha mostrato come giocatore.. Poi magari è un’ottima persona (un po’ come Valdifiori dicono)

nonno
nonno
3 anni fa
Reply to  spliff

Ma che dici? È una bella persona chi fa gol. È altruista chi fa un assist. Chiedi a quello che hanno la presunzione di conoscere una persona dai replay di Sky.

Ljajic: “Voglio restare”. Ma le parole di Cairo lo allontanano da Torino

Ljajic, tra la voglia di giocare e quella di restare: il futuro va deciso ora