L’ex granata lascerà l’Inghilterra il 30 giugno. Il Toro può approfittarne, contando anche sulla disponibilità del giocatore

Il Leicester ha comunicato attraverso un comunicato ufficiale sul proprio sito che Marc Albrighton, Kelechi Iheanacho e Dennis Praet quest’estate lasceranno il club. Il focus è ovviamente sull’ultimo dei nomi appena citati, ovvero quello del belga in granata nella stagione 2021-2022, la prima del ciclo Juric appena conclusosi. Dopo le 23 presenze da giocatore del Torino, in prestito dalle Foxes, condite da 2 gol e 2 assist, Praet ha fatto ritorno in Premier in un’annata sfortunata per la sua squadra, non a caso poi retrocessa in Championship. L’ex centrocampista granata è rimasto a Leicester e sotto la guida di Enzo Maresca ha festeggiato il ritorno nel primo livello del calcio inglese. Adesso dovrà salutare la società che lo aveva acquistato nel 2019 dalla Sampdoria per una cifra vicina ai 19 milioni di euro.

Praet, una stagione da subentrante

La stagione 2023-2024 di Praet si può dividere in due. Da agosto a novembre non ha praticamente mai giocato. Fuori dai convocati fino alla gara dello scorso 9 dicembre con il Plymouth Argyle da cui è rientrato in rosa. Per lui 17 presenze in Championship, una League Cup e 2 in Fa Cup impreziosite dal gol rifilato al quarto turno al Birmingham. Praet, durante la cavalcata comandata da Maresca, ha sempre però assunto un ruolo di secondo piano, da subentrante, e col contratto in scadenza era diventato presto chiaro che il suo futuro sarebbe stato lontano dal King Power Stadium. Lo scorso 7 maggio aveva infatti dichiarato: “Il Torino è una squadra che ascolterei sicuramente adesso”. Un messaggio che ora può assumere tratti più concreti, con la possibilità di accordarsi con Praet libero da ogni vincolo contrattuale.

I pro e i contro

Di certo il nome di Praet resterà nell’elenco delle ipotesi fino a che il Torino non renderà noto il nome del prossimo allenatore. Da quel momento i granata potranno pianificare la stagione e attuare la proprio strategia di mercato. Praet potrebbe rappresentare una bella occasione, specie nel suo ruolo di raccordatore tra centrocampo e attacco. Un giocatore che riesce farlo con la qualità di Praet al Toro manca, ma è anche vero che Praet già nella sua esperienza in granata ha mostrato una certa fragilità e il poco minutaggio raccolto nell’ultima stagione in Inghilterra non lascia bene sperare in termini di tenuta fisica. Ma a zero è anche più facile correre dei rischi.

Dennis Praet
Dennis Praet
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 08-06-2024


60 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
10 giorni fa

Eccalla’,..ci risiamo.Non discuto il valore tecnico del giocatore, tenuta fisica/età si. Quello che voleva il nano,Praet a0. Questi conoscono una decina di giocatori che puntualmente ogni anno vengono fuori. Inutili incapaci//

diego73
11 giorni fa

A me il giocatore piaceva tecnicamente molto bravo ed un passo nei primi metri che gli permetteva di saltare l’uomo. Ma al di là della sua tenuta fisica parliamo di calciomercato senza un allenatore? Cosa stiamo aspettando?

James 75
11 giorni fa

Horvath non si tocca, magari con vicino Praet sarebbe ancora meglio, magari sarebbero la coppia perfetta, Horvath comuque è intoccabile per quanto mi riguarda ma già da 2 anni

Cairo: “Buongiorno? Capitano ideale, contento se rimanesse”

Vanoli-Torino, tutto dipende (ancora) dalla clausola: il Venezia non molla