Obi, Acquah, Maxi Lopez, Martinez ma anche Boyé sul bancone degli imputati. La lista delle cessioni è fatta, ma servono anche i sostituti

È stato molto chiaro in conferenza stampa, Sinisa Mihajlovic. L’allenatore del Toro ha infatti manifestato la sua delusione per alcuni giocatori che, pur avendo avuto la possibiità di emergere, non sono riusciti a mettersi in mostra. “A nessuno viene negata” ha detto il tecnico, “ma non tutti l’anno sfruttata come avrebbero dovuto“. Un segnale chiaro, e in duplice direzione. La prima, al suo gruppo: ci sono ancora due partite prima della fine dell’annno, e magari qualche attributo in più può far bene. E poi, alla società: per andare in Europa, inutile girarci intorno, servono rinforzi.

Ma per ogni nuovo ingresso, è necessaria una cessione, per rispettare le direttive della FIGC sulla composizione degli organici e, ancor più, per una questione di gestione del gruppo. Settimana dopo settimana, Mihajlovic ha finora lavorato con circa 25 giocatori, e con questo numero vuole continuare. Probabilmente, anzi sicuramente, non con tutti questi interpreti: ecco che già a gennaio si profila qualche cessione non preventivata, ma figlia di una prima parte di campionato che non ha avuto gli esiti sperati.

CAMPO, 29.11.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 4.o turno di TIM Cup, TORINO-PISA, nella foto: Arlind Ajeti
CAMPO, 29.11.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 4.o turno di TIM Cup, TORINO-PISA, nella foto: Arlind Ajeti

Oltre ad Ajeti (acquistato da Petrachi ma mai del tutto convincente per l’allenatore), a finire sul banco degli imputati sono altri cinque giocatori: due centrocampisti, Acquah e Obi (questo pubblicamente criticato anche in passato), e tre attaccanti. Le tre riserve del tridente, precisamente, compreso quel Lucas Boyé che ha cominciato bene il campionato ma che non ha reso con continuità in seguito. Ora, è evidente che per l’argentino prelevato a parametro zero dal River, la cessione è tutto fuorché prevista (le parole di oggi vanno considerate più come sprone), mentre per i colleghi di reparto un addio potrebbe essere decisamente possibile. Se non, addirittura, auspicabile.

CAMPO, 23.4.16, Milano, stadio Giuseppe Meazza, 35.a giornata di Serie A, INTER-UDINESE, nella foto: Jonathan Biabiany
CAMPO, 23.4.16, Milano, stadio Giuseppe Meazza, 35.a giornata di Serie A, INTER-UDINESE, nella foto: Jonathan Biabiany

Certo, cedere cinque giocatori (compreso il difensore albanese), e riacquistarne altrettanti, non è cosa semplice a gennaio. E forse nemmeno una pista percorribile tout court, ma se dovessero arrivare le offerte giuste, il Toro non si opporrà alle partenze di nessuno di loro, andando a cercare le alternative che più preferisce. Per questo, ad esempio, si sta già lavorando sull’attacco, alla ricerca di uno tra Iturbe e Biabiany che possano rimpiazzare Martinez (mancano le proposte per il venezuelano); ed è per questo che anche a centrocampo si stanno cercando innesti di sostanza e qualità, che possano alzare il valore complessivo della rosa. È tutto in fieri, ma Mihajlovic è stato chiaro: una lista di possibili uscenti già c’è. Se non bocciati, rimandati. E chissà che le parole di oggi non siano servite per spronare un gruppo potenzialmente forte, nei suoi presunti titolari, ma che può fare molto di più, a livello di alternative.


72 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
diego73
diego73(@diego73)
5 anni fa

Sicuramente via Martinez, chi nasce tondo non può morire quadrato, via Obi, assenteista,via uno dei centrali,penso a Bovo perché ha ancora un po di mercato. Caro Babbo Natale al loro posto Manolas,Hamsik e Callejon e…..vedrai che il prossimo anno saremo Granata più buoni.Buon Natale e Forza Tooooooro.

Scin
Scin(@scin)
5 anni fa

Cairo l’altro giorno diceva che forse a volte è meglio accontentarsi. Questa è la risposta di Miha a Cairo. Io sto con Miha tutta la vita, se accontentarsi vuol dire accettare per anni gente come Martinez, o gli altri bidoni low-cost di Petrachi.

madde71
madde71(@madde71)
5 anni fa

Bacigalupo, boye è rientrato in orbita Roma, l’avido procuratore lo lavora ai fianchi. Son però d’accordo con chi sostiene che abbiamo fatto ottime gare con lui al posto di liajic,che a me continua a convincere poco,bello coi deboli,brutto coi forti.poi sui diritti TV,teniamo anche conto che tutti hanno accettato sta… Leggi il resto »

Grassi, l’agente conferma: “Interessa al Toro”

Iturbe, il Toro accelera: l’affare in dirittura d’arrivo