Torino, la Top 11 delle cessioni più remunerative dell’era Cairo: una squadra da oltre 167 milioni

di Francesco Vittonetto - 4 Settembre 2019

Calciomercato Torino / Con le cessioni più remunerative dell’era Cairo si può schierare la squadra con il 4-4-2: Niang e Immobile coppia d’attacco

Addii lacrimevoli, rabbiosi o accettati poiché inevitabili. Una tavolozza di emozioni che il Torino e i suoi tifosi si sono spesso trovati tra le mani nelle ultime sessioni di calciomercato. E che, in un modo o nell’altro, hanno indirizzato gli umori della piazza e i bilanci della società. Da un lato la speranza, troppo spesso vanificata, di un attaccamento che vada oltre ogni lusinga da lidi più prestigiosi, dall’altro l’esigenza di far quadrare i conti: gli interessi in gioco sono numerosi ed eterogenei. Come numerose sono le cessioni remunerative messe a segno dal club di Urbano Cairo negli ultimi anni.

Torino, cessioni e plusvalenze: ecco la Top 11

In una ipotetica Top 11, formata dai calciatori la cui cessione ha fatto registrare gli introiti maggiori per le casse granata, si parte da Matteo Sereni. Arrivato al Torino nel 2007, a parametro zero, il portiere parmigiano ha lasciato dopo tre stagioni. Direzione: Brescia. Il Toro ci guadagnò 1,5 milioni. Se è vero che la squadra qui proposta mette in campo, ruolo per ruolo, le vendite più vantaggiose, è altrettanto vero che spesso queste coincidono con le plusvalenze più clamorose. E’ il caso di Davide Zappacosta, arrivato in granata per quasi 5,5 milioni di euro – nell’operazione che portò in Piemonte anche Baselli – e ceduto al Chelsea per un totale di 28. Un record per il Toro.

Da Maksimovic a Zappacosta: Torino, difesa da 86 milioni

Non è da meno Nikola Maksimovic. Il Torino lo prelevò dalla Stella Rossa per 3 milioni di euro, tra prestito e riscatto, e due anni dopo lo cedette al Napoli per 25 milioni (5 di prestito, 20 di riscatto). Angelo Ogbonna, invece, arrivò in granata per una cifra prossima ai 3.000 euro, appena quattordicenne. Passò alla Juventus nell’estate 2013 per 15 milioni. Sulla sinistra di questa ipotetica difesa a quattro trova spazio Matteo Darmian: il terzino salutò il club granata per trasferirsi al Manchester United. Incasso totale? 18 milioni di euro. Tra i terzini è stato ceduto a una cifra importante anche Antonio Barreca, ma i 10 milioni versati dal Monaco sono inferiori a quelli spesi da Manchester United e Chelsea per Darmian e Zappacosta, per questo l’ex Primavera non è presenta nella Top 11.

Torino, Dzemaili la prima grande plusvalenza

Nell’albo delle plusvalenze ingenti si iscrive di diritto anche Bruno Peres, tesserato dal Torino dopo una travagliata diatriba legata al passaporto, con conguaglio al Santos di 2 milioni o poco più, e ceduto alla Roma per 13,5 milioni.

In mezzo al campo, coppia italo-svizzera: Marco Benassi – ceduto per 10 milioni alla Fiorentina nel calciomercato estivo del 2017 – e Blerim Dzemali – passato al Parma per 8 milioni totali (1 per il prestito, 7 per il riscatto) dopo la retrocessione del Toro in Serie B nel 2009. Largo a destra troviamo invece Alessio Cerci (oggi alla Salernitana) che nell’estate del 2014 fu ceduto all’Atletico Madrid per 15 milioni di euro.

Torino, Niang e Immobile gli attaccanti che hanno fatto incassare di più

La coppia offensiva è composta da M’Baye Niang, che proprio quest’estate il Rennes ha riscatto dal Torino per 15 milioni di euro (la stessa cifra pagata dai granata per acquistarlo dal Milan) e da Ciro Immobile, che con la sua cessione al Borussia Dortmund fruttò 18,5 milioni d euro euro. 10, a rigore di bilancio, dal momento che 8,5 furono versati dal Torino per il riscatto dalla Juventus della metà del cartellino ancora in possesso dei bianconeri. Un 4-4-2 da conti verdissimi: 167,5 milioni di euro in totale.

Torino (4-4-2): Sereni (1.5 M); Zappacosta (28 M), Maksimovic (25 M), Ogbonna (15 M), Darmian (18 M); Cerci (15 M), Benassi (10 M), Dzemaili (8 M), Peres (13.5 M); Immobile (18.5 M), Niang (15 M),

più nuovi più vecchi
Notificami
davidone5
Utente
davidone5

Petrachi Ventura = risultati sportivi ed economici. Tutto il resto è noia.

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

giusta attestazione di meriti. ora però comincio a metterc anche Mazzarri. anche lui sta valorizzando ilmateriale umano che ha a disposizione

Sergio (Plasticone69)
Utente
Sergio (Plasticone69)

scusa davidone mi sono perso i risultati sportivi, forse sono stato ibernato.

AstroMaSSi
Utente
AstroMaSSi

Alcune informazioni serali:
1) Ljianco è guarito, sta aumentando i carichi di lavoro, sarebbe comunque stato meglio non fosse stato convocato
2) Iago rientra col Lecce
3) Mi segnalano Nkoulu in riavvicinamento

odix77
Utente
odix77

1)bene speriamo sia però stabile
2)non c’è fretta
3)bene, senza questa cessione e con il rientro, il mercato ha almeno un voto in più

dm
Utente
dm

Tre belle notizie, l’ultima bellissima!!! Con lui quest’anno… shhhhh

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

sarebbe tutto TOP. io però fossi stato nel Toro non avrei accettato la convocazione di Lyanco. deve prima rientare con noi ed essere seguito dal nostro staff.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Articoli che lasciano il tempo che trovano…