Armando Izzo, tra i migliori difensori italiani del momento, è finito nel mirino di Roma e Lazio. Il Torino però non è intenzionato a venderlo

Il Torino di questa stagione ha fatto della difesa il suo punto di forza. Tra i componenti delle retrovie del Toro, spicca senza dubbio un nome: quello di Armando Izzo. Questa sua prima stagione sotto la Mole, che lo ha visto ritornare sotto la guida di Mazzarri, lo ha fatto esplodere, rendendolo uno dei migliori difensori italiani e facendogli trovare la Nazionale di Mancini. Ovviamente le buone prestazioni comportano i riflettori puntati addosso ed Izzo è diventato quindi un pezzo pregiato molto ambito. In pole position ci sono infatti la Roma, che con Petrachi come futuro (sempre che il braccio di ferro con Cairo si concluda) ds vorrebbe tentare di portarlo in giallorosso, e la Lazio, con Simone Inzaghi che lo inserito nella propria lista dei desideri. Il Torino non sembra però intenzionato a privarsi di Izzo.

Izzo nel mirino di Roma e Lazio, ma il Toro dice no

Con la fine del campionato, si sta avvicinando l’inizio del calciomercato che durerà fino al 2 di settembre. Iniziano quindi i primi corteggiamenti per conquistarsi i giocatori migliori in vista della prossima stagione. Tra i nomi più gettonati compare anche quello di Armando Izzo, finito nel mirino di Roma e Lazio, entrambe reduci da un campionato mediocre ed in cerca di rinforzi importanti. I giallorossi inseguono il difensore da tempo e con Petrachi come nuovo ds, che resta ancora sotto contratto con il Toro ed è ai ferri corti con Cairo, sperano di strapparlo al club granata.

La Lazio invece ha appena rinnovato il contratto ad Inzaghi che, dopo la vittoria della Coppa Italia, ha iniziato a stilare la lista degli acquisti. Il Torino non sembra però essere intenzionato a mettere Izzo sul mercato e difficilmente prenderà in considerazione le proposte dei club capitolini.

Izzo, stagione d’oro con il Torino e la Nazionale

Dopo 4 stagioni al Genoa, Armando Izzo è approdato al Torino, tornando dal suo padre calcistico Walter Mazzarri. La sua avventura da professionista era infatti cominciata proprio con l’attuale allenatore del Torino e la reunion si è rivelata essere una giocata vincente per entrambi. Il difensore napoletano ha infatti dato vita al campionato migliore della sua carriera, collezionando 37 presenze ed andando a segno per ben 4 volte. Non si è reso però un trascinatore solo in campo. Si è infatti conquistato il benvolere del pubblico granata velocemente, capendo subito cosa i tifosi volessero da lui e mettendolo in pratica.

Il fiore all’occhiello è stato però l’esordio con la Nazionale di Mancini, un giusto premio dopo il tanto lavoro svolto, che è proseguito fino alla convocazione per le qualificazioni agli Europei 2020. Un picco in positivo per Izzo, che ha attirato l’interesse di più club.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 11-06-2019


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tarzan_annoni
tarzan_annoni
2 anni fa

Anche sta storia dei giocatori incedibili ed inamovibili è una balla sontuosa. Capello disse mai alla juve con il microfono nella mano sinistra mentre firmava per la juve con la destra. Sinisa urlò ai quattro venti che mai avrebbe tradito l’ inter mentre si provava la tuta del Milan. Non… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
2 anni fa
Reply to  tarzan_annoni

ahaahah io spesso lo difendocairo, ma almeno in passato in questo senso ne ha fatte di ca,,,,, Ecco ultimamente, l’anno scorso ad esempio, o quand si era impuntato s maksimovich, l’ho visto migliorato. ma ognigiorno una conferma. vediamo in questo mercato.

toro 1968
toro 1968
2 anni fa

lazio e roma al massimo si possono contendere una forma di pecorino

Pedric
Pedric
2 anni fa

Servono centrali difensivi. Compriamone una mezza dozzina. Dopo tutto un centrale è per sempre.

Serie A, valzer panchine: Mihajlovic confermato, il Milan attende Giampaolo

Lyanco, dal Brasile: “Roma, PSV, Zenit e Wolsburg sul difensore”