Petrachi-Cairo: prosegue il braccio di ferro

di Giulia Abbate - 10 Giugno 2019

A lavoro con la Roma ma sotto contratto con il Torino: per Gianluca Petrachi il braccio di ferro con Cairo potrebbe durare a lungo

Era il 5 giugno scorso quando Gianluca Petrachi, dopo aver dato le dimissioni dal ruolo di direttore sportivo del Torino, è stato avvistato a Fiumicino. Le voci che lo davano in arrivo a Roma per prendere il posto del ds giallorosso in uscita hanno così trovato conferma ma a lasciare l’amaro in bocca, per usare un eufemismo, in casa Toro è la questione legata al contratto. Nonostante l’addio formale dato da Petrachi al residente Cairo, di fatto il ds risulta ancora sotto contratto con la società granata. Un “cavillo” che gli impedirebbe di lavorare coi giallorossi fino a quando le dimissioni non diventeranno ufficiali. Dettagli che, tuttavia, non sembrano esere tati presi troppo sul serio dall’ormai ex direttore sortivo granata.

Petrachi-Cairo, la disputa continua: possibile multa in arrivo?

Che il presidente Cairo fosse quanto meno stizzito dalla vicenda Petrachi lo si era già ampiamente capito nei mesi scorsi: le voci, le continue domande sul futuro del proprio ds non hanno mai fatto troppo piacere al patron granata che ha sempre detto di non voler commentare troppo la vicenda. E’ comprensibile, dunque, che il presidente Cairo sia oggi molto più che semplicemente infastidito. Se le voci sul trasferimento alla Roma di Petrachi lo avevano per così dire urtato, infatti, vedere quello che di fatto è ancora un proprio “dipendente” lavorare per la concorrenza non è certamente qualcosa su cui chiudere un occhio. Anzi.

Come detto poc’anzi, infatti, Petrachi ad oggi risulta formalmente ancora legato al Torino. Situazione che, viste le indiscrezioni che lo vorrebbero già a lavoro per i giallorossi, potrebbe attirargli molto più che il semplice disappunto della società granata.

Una multa? La squalifica? Strade che il Toro potrebbe anche pensare di percorrere soprattutto considerando che le tempistiche sono di certo a favore della società di via Arcivescovado.

Toro, con Bava puoi lavorare: la Roma rischia lo stallo

L’addio di Petrachi, in casa Toro, ha spalancato le porte a Bava che ad oggi continua a rappresentare la prima scelta per quanto riguarda il sostituto ds. Una strada che sembra la più percorribile e che permetterebbe al Torino di iniziare immediatamente i lavori in vista della prossima stagione indipendentemente dalla soluzione della diatriba con Petrachi.

Al contrario, fino all’ufficializzazione del suo passaggio alla Roma, Gianluca Petrachi ha le mani legate e gli stessi giallorossi si trovano in una situazione di stallo sia per il mercato che per la programmazione in vistya della prossima stagione. Lavorare per la Roma con un contratto ancora valido con i granata potrebbe complicare notevolmente i tentativi di trovare una via di uscita “pacifica” con il presidente Cairo. Che, in questa situazione, è l’unico a non avere fretta.

più nuovi più vecchi
Notificami
Crop58
Utente
Crop58

Finalmente ho capito dove si sono riversati i bannati gobbi di tuttospork…complimenti alla redazione….

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Cairo al massimo fa il braccino di stagno.

michelebrillada
Utente
michelebrillada

come sempre facciamo ridere non si perde occasione per fare ridere cairo non sa che cosa deve fare che cosa aspetta a cercare un direttore sportivo ? che sia finita la campagna acquisti cosi puo avere tutte le solite scuse