Calciomercato Torino / Il Southampton tenta l’affondo finale per il difensore granata Lyanco: cessione vicina

L’addio di Lyanco verso il Torino è ormai sempre più vicino. Il difensore, che sta vivendo da separato in casa sotto la Mole, otrebbe aver trovato la sua prossima destinazione. Nelle ultime ore, si è fatto sotto il Southampton, intenzionato ad acquisirlo a titolo definitivo, secondo quanto riportato da gianlucadimarzio.com. Il costo del cartellino, inizialmente fissato ad 8 milioni, è sceso a 7 trovando un compromesso con i Saints, aiutati dalla volontà del giocatore di lasciare la il club granata e cambiare aria.

Toro, tante concorrenti per Lyanco

Erano numerose le pretendenti per il difensore granata. Primo fra tutti il Bologna di Mihajlovic, già suo allenatore al Torino e al club rossoblù, dove aveva militato grazie ad un rpestito secco. Il vero vincitore sembrava però essere il Betis Siviglia, molto vicino al brasiliano e con un’offerta pronta sul piatto. Le parti sono però rimaste distanti ed è stato preso in considerazione anche il Flamengo, club della massima serie brasiliana, che avrebbe riavvicinato Lyanco al proprio Paese d’origine. Si è poi fatto avanti un altro club di Premier League, il Watford, superato alla fine dal Southampton, in grado di azzeccare la formula e le tempistiche.

Lyanco
Lyanco
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 20-08-2021


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
1 mese fa

Vediamo se cairo riesce per l’ennesima volta a non fare plusvalenza per lyanco in vendita da due estati perché i soldi offerti non bastano mai

thethaiman
thethaiman
1 mese fa

Senza testa, è ora che se ne vada anzi è anche tardi. Detto questo noi perdiamo pezzi e non entra nessuno. Sirigu, N’Koulou, Meité, Boyé, Gojak, Bonazzoli, eravamo una squadraccia, ora nettamente peggiore.

tric
tric
1 mese fa

Non festeggiate troppo altrimenti se ne accorgono e non lo comprano! Ciule!

Walukiewicz-Izzo, trattativa in salita: Toro e Cagliari (per ora) lavorano solo sullo scambio

Pobega, al Toro senza riscatto. E quando Juric criticò i prestiti secchi: “Mi toglie il sonno…”