Calciomercato Torino / Le priorità dopo Berisha: dal trequartista al difensore centrale, Cairo e Vagnati devono fare presto

Il ribaltone in dirigenza non è stato un freno, perché il calciomercato del Torino procedeva a rilento ancor prima che Cairo e Vagnati indirizzassero la restaurazione cacciando il direttore generale Comi e il responsabile del settore giovanile Bava. Al “Grande Torino” si è presentato Etrit Berisha, per fare le visite, firmare un triennale e diventare ufficialmente un giocatore del Toro. Ma da qui al raduno è improbabile che qualcun’altro faccia lo stesso. Ivan Juric non storce il naso, ma aspetta impaziente che i nuovi acquisti raggiungano il gruppo nel ritiro in Val Gardena. E’ imprescindibile, per il nuovo tecnico, avere un’ossatura definita il prima possibile. Perché sia così servono almeno tre acquisti, oltre alle cessioni (di Sirigu e Lyanco in primis).

Il centrale e il trequartista: le priorità di Juric

Sistemata la questione del portiere, con il rinnovo di Milinkovic-Savic e l’acquisto dell’albanese (lo dirà il campo, se questo mix funzionerà o meno), ora le priorità sono altrove. Innanzitutto serve trovare un centrale difensivo per sostituire Nkoulou. Si sono fatti i nomi dei veronesi Gunter e Dawidowicz, anche se il presidente dell’Hellas Setti è poco propenso a svenderli. Una trattativa vera, per questo ruolo, ancora non c’è. Eppure con l’addio del 33 il Torino ha perso un titolare affidabile.

Poi c’è un’altra questione spinosa. In attacco, serve un fantasista alla Zaccagni. Messias, Orsolini, Hauge, Marvin Park… di nomi se ne sono fatti tanti. Ad oggi i granata hanno intavolato un discorso approfondito con il Crotone per il brasiliano, ma senza raggiungere un accordo. Ora è concreto l’inserimento della Fiorentina, che medita lo scippo. Per Juric, un rinforzo in quella zona è imprescindibile. Cairo e Vagnati dovranno trovare una strategia per trovare il migliore con le risorse disponibili: che sono poche, lo ribadiamo una volta di più.

Il Torino lavora anche per un esterno sinistro. Ma al raduno…

Negli altri ruoli, il tecnico croato valuterà i giocatori attualmente a disposizione. Tuttavia, i granata si sono mossi per reperire anche un esterno di fascia sinistra, al momento senza successo. Nonostante il rinnovo di Ansaldi, infatti, potrebbe servire un investimento per far fronte alla possibile partenza di Ola Aina, che vorrebbe restare in Inghilterra nonostante sia scaduto il suo prestito al Fulham. In un mercato difficile per tutti e con poche (vere) occasioni disponibili, è necessario fare presto per non restare con il cerino in mano. Il Torino arriverà al raduno con Berisha e niente altro, a meno di improvvise accelerazioni, ma Juric vuole di più.

Ivan Juric e Alberto Barile al Filadelfia
Ivan Juric e Alberto Barile al Filadelfia
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 04-07-2021


74 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Bischero
Bischero
3 mesi fa

Magari mi sbaglio ma credo che il mercato in entrata sia quasi finito. Mi aspetto solo 1 esterno sinistro. Magari se piazzano falque potrebbe arrivare un fantasista o un incursore.

Simone4Toro
Simone4Toro
3 mesi fa

Si parla sempre del nulla cosmico quando si vuole parlare del mercato del magnifico dio ..cairetto/rovagnati

MondoToro
MondoToro
3 mesi fa

Questo teatrino dell’allenatore tutto d’un pezzo che chiede, pretende e minaccia fa ridere, smettiamola. Siamo di fronte ad un ometto qualunque, che ha venduto la dignità di fronte ad un contratto che per il suo ed il nostro livello sia tecnico che economico è insensatamente faraonico. Non facciamo finta di… Leggi il resto »

Torino, Freddi Greco ceduto a titolo definitivo al Pordenone: è UFFICIALE

Niente sconti per Hauge e Orsolini: entrambi si allontanano