Anche in porta si prospetta un radicale cambiamento, ma il tempo stringe e la situazione va definita in fretta: possibile partenza in prestito per Gomis

In un mercato che ha riservato nell’ultima settimana i cambiamenti più profondi, che nel caso del reparto difensivo hanno addirittura assunto i tratti di una rivoluzione, anche il capitolo portieri si appresta a trovare la propria definizione: il Toro è alla ricerca di un estremo difensore a cui affidare le chiavi della porta, capace di infondere le sicurezze al momento non riscontrate dai giocatori in rosa. Apparentemente accartocciato l’iniziale piano di affidare a Gomis la gravosa responsabilità, su indicazione di Mihajlovic è iniziata la caccia al nuovo portiere: la ricerca del giusto profilo è tuttavia complessa, e a pochi giorni dalla chiusura del mercato, i migliori elementi risultano blindati dalle società di appartenenza. Occhi quindi su giocatori scontenti e giovani promesse, operazione di scrematura che ha già dato i propri frutti: Sirigu e Gabriel, sono entrati in orbita granata.

Operazioni completamente diverse tra loro, come è differente l’attuale cifra tecnica espressa dai due giocatori: su Sirigu il Torino cerca di fare leva sulla volontà del portiere di rientrare in Italia, dopo la proficua esperienza nella “Ville Lumière”: il possibile deterrente sulla riuscita dell’operazione è rappresentato dal lauto ingaggio percepito dal Psg, fuori portata per i parametri del Toro. A meno che, non si studi a tavolino una soluzione che possa accontentare tutte componenti. Per quanto riguarda Gabriel, il Torino ha già formulato al Milan una richiesta di prestito, per il momento declinata dal club meneghino: l’attuale richiesta rossonera, poggia sulle basi di un’operazione fattibile solo a titolo definitivo. Ma anche in questo caso, l’incombenza rappresentata dalla chiusura del mercato, potrebbe ammorbidire le parti in causa favorendo il buon esito dell’operazione.

Parallelo al mercato in entrata, si deve giocoforza sviluppare quello in uscita: Gomis rimarrebbe solo per recitare il ruolo di primo portiere, la sua età ed i suoi margini di crescita non sono compatibili con un’annata da riserva, passata all’ombra di un titolare più pronto. Probabile, dunque, una cessione in prestito secco. Sotto osservazione anche la situazione di Padelli, con il giocatore restio ad affrontare la stagione da riserva: in questo caso si aprirebbero le porte per una cessione definitiva. Una settimana di tempo per ridisegnare il comparto dei portieri, operazione di vitale importanza anche per iniettare a tutto il blocco difensivo, le certezze smarrite dopo i tanti cambiamenti.

TAG:
padelli toro

ultimo aggiornamento: 23-08-2016


212 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Simtoro
Simtoro
5 anni fa

Rilancio napoli x maksi 28 mil piu bonus che arrivano fino a 30…calciomercato.it

mappo
mappo
5 anni fa

Sirugu?Saponara?Valdifiori?….ma sbaglio o il campionato è già cominciato? E il progetto?

thethaiman
thethaiman
5 anni fa

Anche stasera si è avuta una riconferma che non abbiamo venduto Gareth Bale, primo tempo molto discutibile per Peres, poi non giudicabile nel secondo tempo con le espulsioni e la Roma in inferiorità numerica.

Valdifiori, spazi chiusi al Napoli: il Toro torna alla carica

Vida, può arrivare dall’est il sostituto di Maksimovic