Il Nizza vorrebbe arrivare a Zaza per sostituire Balotelli: i granata non mollano la presa ma devono prima risolvere il nodo cessioni

Che Zaza continui ad essere un sogno per la dirigenza granata non è un mistero. L’idea di poter vederlo in campo in coppia con Belotti stuzzica, e non poco, il Toro che tuttavia non fa registrare passi avanti nella trattativa con il Valencia. Per riportare in Italia l’ex Sassuolo servono almeno due cessioni importanti: il reparto d’attacco granata è super affollato e inserire un giocatore che, indubbiamente, verrebbe per fare il titolare sarebbe un problema di difficile risoluzione per Mazzarri. Tutto fermo, insomma, con il rischio però che l’attaccante si accasi altrove. Uno scenario che potrebbe non essere così imrpobabile.

Zaza-Torino, la concorrenza aumenta: anche il Nizza pensa all’attaccante

Simone Zaza è in uscita dal Valencia e questo è l’unico aspetto certo della situazione. Nel club spagnolo, come abbiamo già avuto modo di raccontare, gli spazi per l’attaccante si sono ridotti sensibilmente e la sua permanenza è ormai davvero improbabile. L’idea di trasferirsi al Toro a Zaza piace ma il temporeggiare dei granata, legato alla necessità di agire prima in uscita, non facilita di certo la trattativa. E, nel frattempo, la concorrenza aumenta. Sull’attaccante, infatti, ci sarebbe anche il Nizza che vede proprio in lui il sostituto perfetto di Balotelli. In Francia, infatti, con “Super Mario” che spinge per ottenere una cessione, la febbre da sostituto è notevolmente aumentata e i dirigenti del Nizza sembrano aver messo gli occhi ancora una volta su un attaccante italiano.

Zaza-Torino, cessioni e nodo ingaggio: il sogno dei granata non è ancora svanito

L’interessamento del Nizza, che fa coppia con quello già noto del Betis, mette duenque ulteriore pressione in casa granata. Il Toro continua a sognare la possibilità di vedere in campo il tandem Belotti-Zaza ma è ormai palese che il tempo stringe e che le possibilità pian piano sono destinate a ridursi. Il primo scoglio, come noto, è l’ingaggio da 2,7 milioni dell’attaccante che, tuttavia, sembra ritenere prioritaria l’idea di tornare in Italia. I granata potrebbero far leva proprio su questo per trovare l’accordo definitivo con il giocatore ma prima dovranno trovare la giusta soluzione per il mercato in uscita. E qui l’opzione continua ad essere una e una soltanto: servono due cessioni. Con Niang ritenuto il primo sacrificabile per arrivare all’ex Sassuolo e Ljajic con un futuro sempre più in bilico. Insomma, l’idea Zaza è tutto tranne che tramontata: i prossimi giorni potranno essere decisivi per tentare l’ultimo assalto.


20 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
3 anni fa

Zaza …Balotelli…. ragazzi ma sapete che ingaggio hanno questi ? Il nostro tetto è 1.5 quindi scordatevi questi personaggi che tra l altro sono lontanissimi dai colori granata.

MondoToro
MondoToro
3 anni fa

Per me la squadra è fatta e finita. Cercherà solo di cedere ljaic fino alla fine. Il livello scende e arrivare decimi è sempre più facile, ergo siamo più che a posto così.

rimbaud
rimbaud
3 anni fa
Reply to  MondoToro

Speriamo di no, Ljaic fa parte degli imprescindibili di questa squadra,speriamo lo capiscano. Già reputo positivo si sia giocato con la mezzapunta in coppa italia, pur avanzando Baselli in assenza del serbo, è comunque un segnale positivo.

madde71
madde71
3 anni fa

ufficiale,tamarro zaza ha chiesto aiuto alla mafia di venaria per rientrare in italia,temo sorprese

Asse Toro-Reims: arriva un giocatore in prova per la prima squadra

Belotti al Napoli? Cairo dice no: il Gallo resta granata