Coronavirus, tamponi a calciatori e vip: il Codacons presenta un esposto

Coronavirus, calciatori e vip privilegiati per i tamponi: il Codacons presenta un esposto

di Andrea Piva - 5 Aprile 2020

Il Codacons chiede l’apertura di un’indagine: “Calciatori, attori e vip godono di una corsia preferenziale per sottoporsi ai tamponi per il Coronavirus”

Le fuga dall’Italia di Gonzalo Higuain, Miralem Pjanic, Sami Khedira e Douglas Costa, nonostante le due settimane di isolamento dopo che il loro compagno di squadra Daniele Rugani era risultato positivo al test per il Coronavirus, hanno scatenato diverse polemiche. In particolare perché i calciatori della Juventus hanno potuto sottoporsi al tampone per il Coronavirus (risultando tutti negativi) pur non presentando alcun sintomi della malattia: un privilegio che non hanno i comuni cittadini, né medici e infermieri. Anche per questo motivo il Codacons ha presentato un esposto alla procura di Milano chiedendo l’apertura di un’indagine.

Coronavirus, tamponi a calciatori e vip: il comunicato del Codacons

“Calciatori, attori, influencer e vip vari godono di una corsia preferenziale per sottoporsi ai tamponi per il Coronavirus, mentre i normali cittadini e addirittura medici e infermieri vengono ignorati quando chiedono di sottoporsi al test” si legge nel comunicato rilasciato dal Codacons.

“Da più parti si segnala la difficoltà dei cittadini di sottoporsi al tampone in caso di sospetto contagio – prosegue il comunicato stampa del Codacons – Difficile riuscire a contattare i numeri messi a disposizione dalle autorità sanitarie, e quando si riesce a parlare con qualcuno la richiesta del test viene spesso negata. Questo non succede però a calciatori, vip e personalità varie, che in queste ore stanno comunicando l’esito degli esami cui si sono sottoposti, dimostrando l’esistenza di una corsia preferenziale in loro favore. Anche giornalisti come Bruno Vespa hanno chiesto e ottenuto il tampone, che è stato realizzato in tempi record. Eppure di fronte all’emergenza tutti i cittadini devono essere considerati allo stesso modo dalle autorità sanitarie”.

L’associazione dei consumatori ha poi annunciato di aver presentato un esposto alla Procura di Milano: “Per tale motivo il Codacons presenta oggi un esposto alla Procura della Repubblica di Milano, chiedendo di aprire una indagine per la fattispecie di abuso d’ufficio, acquisendo le dichiarazioni del primario di Medicina dell’ospedale di Magenta, Nicola Mumoli (che aveva denunciato il fatto che anche a medici e infermieri non viene fatto il tampone per il Coronavirus, ndr)”.

Coronavirus, dottore misura la febbre
Coronavirus, dottore misura la febbre

7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
io
io
3 mesi fa

APPROVO L’ESPOSTO DEL CODACONS !!!!!

GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
GD ( 0.3ini da non confondere con i delusi/arrabbiati)
3 mesi fa

i soliti italioti. notizia che nemmeno verificherei perchè sicuramente vera. in Italia le vite delle persone, le dignità delle persone sono schedate. serie A, B,C. in funzione di soldi e status. ma bastava leggere le frasi deliranti dei lotito e dei laurentis. mentre dappertutto si moriva, siintasavano i reparti di… Leggi il resto »

gabbo
gabbo
3 mesi fa

a quanto pare non fanno il tampone a tutti perché non hanno liquido reagente ma soprattutto non hanno personale sufficiente che possa analizzarlo. in corea del sud e giappone hanno praticamente fatto il tampone a tutti, isolato i contagiati e ora ne sono fuori. da noi il virus è dilagato.… Leggi il resto »

mas63simo
mas63simo
3 mesi fa
Reply to  gabbo

👍👏👍👏👍👏👍👏

Ultrà
Ultrà
3 mesi fa
Reply to  gabbo

da Noi il virus è dilagato per gli asintomatici…in Corea hanno tracciato gli spostamenti tramite i cellulari…qui ci sarebbe un altro esposto della Codacons per la violazione della privacy…

Brunogranata
Brunogranata
3 mesi fa
Reply to  Ultrà

Il virus è dilagato perchè hanno avuto la scellerata idea di disputare la partita dell’Atalanta contro il Valencia a porte aperte. Un vero e proprio suicidio perchè il virus circolava già sul territorio italiano , Codogno era già zona rossa. Dopo due settimane è cominciata l’ecatombe nella Bergamasca. Una decisione… Leggi il resto »