Millico, ritorno azzurro: oggi sfida la Georgia

di Francesco Vittonetto - 5 Dicembre 2018

Per Millico niente occasione contro il Sudtirol in Coppa Italia: c’è Georgia-Italia, l’amichevole del rilancio con la Nazionale Under 19

E pensare che giovedì sarebbe potuta arrivare la grande occasione: magari una convocazione contro il Sudtirol in Coppa Italia, magari qualche minuto nel Torino dei grandi. Invece Vincenzo Millico dovrà accontentarsi ancora della Nazionale Under 19. E forse è giusto così, seguendo il ragionamento di Coppitelli nel post-Roma dopo l’ennesima prova da urlo del Primavera numero 11: “Non servono contentini, quando giocherà in Serie A sarà perché se l’è guadagnata”. Vedendo i numeri collezionati fin qui l’ottimismo è di casa al Filadelfia: 15 gol in 10 partite – a secco è rimasto solo nella sfida contro l’Empoli – non sono da tutti; solo il giallorosso Celar (14 reti, contro i granata era assente perché convocato da Di Francesco) sta provando a tenere il passo, Raspadori e gli altri cannonieri sono fermi a meno sette e più.

Millico, c’è Georgia-Italia Under 19: fischio d’inizio alle 14

Al rientro in campo ci sarà il Chievo ad attendere Millico l’implacabile. Prima, come detto, il ritorno in azzurro, dopo la mancata convocazione per l’ultimo giro di amichevoli – peraltro disastroso per la formazione di Guidi: due sconfitte su due a Recanati. A Tblisi sarà la Georgia a fronteggiare l’Under 19, con calcio d’inizio alle ore 14 italiane e sede spostata al “David Abashidze Stadium”, vista l’impraticabilità della “Petriashvili Arena”, l’impianto designato in precedenza. Per Millico sembra pronto un posto nell’undici titolare. In attesa che l’urlo del Filadelfia, il “Vin-cen-zo” urlato a gran voce dal pubblico presente per la sfida contro la Roma, si trasferisca anche al “Grande Torino”.

più nuovi più vecchi
Notificami
Alberto Fava
Utente
Alberto Fava

Leggo i vari commenti, posso accettare tutte le idee , ma mi tengo la mia su Millico. Secondo me ha velocità , visione della porta, senso del gol e della posizione veramente fuori dal comune, se confrontato con altre punte “ primavera” contro le quali abbiamo giocato. Inoltre il suo… Leggi il resto »

mcmurphy
Utente
mcmurphy

Comunque il ragazzo è davvero forte,sicuramente la A è dura per tutti ma se si continua con la politica dell’aspettiamo,mandiamolo due anni in giro in C,poi uno in B non si va da nessuna parte,il bomber deve crescere e giocare insieme a quelli forti,come fanno all’estero e se ha veramente… Leggi il resto »

AleGRANATAale
Utente
AleGRANATAale

Davvero ottime premesse per questo ragazzo , il calcio professionistico però è ben altra cosa .