L’Under 17 di Sesia si aggiudica il Trofeo Beppe Viola – Arco di Trento dopo 25 anni. Moreo: “Fantastico alzare al cielo un trofeo così prestigioso”

Dopo la partita al cardiopalma contro il Chievo Verona, che proprio all’ultimo minuto ha catapultato i granata Under 17 nella finale del Trofeo Arco di Trento Beppe Viola, la finale ha regalato a squadra e tifosi un bis storico. A pochi secondi dal termine dei tempi regolamentari, infatti, il Torino riesce a strappare l’1-0 contro il Bologna e a regalarsi la vittoria di un trofeo che il Torino aveva già vinto, 25 anni fa. Risale infatti al 1993 l’ultimo successo della squadra granata all’Arco di Trento e in quell’occasione furono i rivali storici della Juventus a doversi arrendere. Una finale e un risultato storici, dunque, che hanno come protagonisti, tra gli altri, soprattutto il giovane Niccolò Moreo e il tecnico Marco Sesia.

Torneo Arco di Trento Beppe Viola 2018, Moreo il match winner

È fantastico alzare al cielo un trofeo così prestigioso. Dedico il successo allo staff, ai miei compagni e ai miei genitori che non hanno mai smesso di incoraggiarmi”. Così festeggia il giovane granata Moreo, autore di un torneo eccezionale e assoluto eroe per il Toro: dopo la punizione che ha siglato la vittoria contro il Chievo in semifinale, infatti, è ancora lui a consegnare nelle mani di compagni, staff e tifosi il successo contro il Bologna. I soli 17 anni e la poca esperienza non sembrano impensierirlo più di tanto: quando l’arbitro concede il rigore a favore dei granata la freddezza e la determinazione fanno la differenza. Dal dischetto non sbaglia, spiazza Fantoni e riporta così la prestigiosa Coppa all’ombra della Mole dopo un quarto di secolo.

E la soddisfazione è enorme anche per il tecnico granata Sesia che proprio in quel lontano 1993, mentre l’Under 17 vinceva il torneo, esordiva in Serie A con la maglia del Toro. “È stata una finale sofferta nella quale ha regnato l’equilibrio e credo onestamente che il risultato più equo fosse il pareggio. Siamo stati caparbi ad inseguire il successo fino all’ultimo respiro. È la vittoria di un gruppo che non ha mai smesso di crederci in un torneo che si è contraddistinto per un’organizzazione ottimale in una città incantevole come Arco”.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Leonardo(Poppix 1)
Leonardo(Poppix 1)
4 anni fa

Pedric….assolutamente d’accordo 👌👌👌

rotor
rotor
4 anni fa

Complimenti mister e Moreo mi sembra veramente forte,bravi tutti.

Pedric (Giorgia2004)
Pedric (Giorgia2004)
4 anni fa

Vincere è importante ma non è l’unica cosa che conta.
L’unica cosa che conta è provarci con tutte le forze, anche se poche, ma fino in fondo. Questa è la nostra storia, la nostra fede, la nostra passione. In una parola il TORO.
Grazie ragazzi!!!

Finale Arco di Trento | Torino-Bologna 1-0: il Beppe Viola è granata!

Viareggio Cup 2018, Torino-Perugia 3-1: il tabellino