Il tecnico ringrazia la società, staff, tifosi e i suoi ragazzi. Si chiude così l’esperienza in granata dopo 185 partite e 2 trofei

Federico Coppitelli da ieri non è più ufficialmente l’allenatore del Torino Primavera. Attraverso il proprio profilo Instagram ci ha tenuto a dedicare qualche riga dedicata all’ambiente granata, da cui si congeda per la seconda volta in carriera. “Vorrei salutare tutto il Torino FC e in particolare il Presidente Urbano Cairo per il supporto e la fiducia avuta durante tutto questo percorso. E’ stata una bellissima storia durata 185 partite (alcune indimenticabili per importanza, contesto e traguardi), condita da due trofei, playoff e una cavalcata per la salvezza costruiti con il lavoro, la dedizione e spirito di sacrificio, tutti elementi che contraddistinguono lo spirito granata – continua – E’ un momento anche per ringraziare tutti: il grandissimo staff che la società di ha messo a disposizione, i giocatori e i dirigenti per la disponibilità dimostratami. Vedere tanti ragazzi che sono passati per la primavera del Torino affermarsi ad alto livello è un vanto e un obiettivo fondamentale per chi fa questo lavoro. Colgo anche l’occasione per ringraziare tutti i messaggi che ho ricevuto dai tifosi del Torino: è stato un onore. Federico”.

Nella galleria di immagini che il tecnico ha postato per accompagnare le parole appena riportate, le celebrazioni di Coppa Italia e Supercoppa e altri momenti importanti come l’ultima sua uscita sulla panchina granata dello scorso maggio al Filadelfia.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-07-2022


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
BiriLLo
BiriLLo
1 mese fa

Grazie mister… Io ti ho apprezzato…
Hai sopperito ad una stagione sempre in pullman… Subentrando e con una squadra incompleta e al fondo.
Sei stato bravo..
Però spero per te in una serie b con crescita… Te lo meriti..
Bravo. ✋🐂💗

Torino, Bremer si allena in palestra (a Torino) in attesa di scoprire il suo futuro

Mandragora: “Torino mi ha dato tanto. Vi sarò sempre grato”