Cairo, cambiare tutto per non cambiare niente - Toro.it

Cairo, cambiare tutto per non cambiare niente

di Vincenzo Chiarizia - 7 Maggio 2020

Quando il presidente avrà il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e apportare l’unico cambiamento che non è mai stato fatto in questi tre lustri?

Vi è mai capitato di osservare qualcuno comportarsi come a dover porre rimedio ad un fallimento, ma senza avere gli attributi di ammettere le proprie responsabilità? Anche io, come voi, sono a conoscenza della risposta e purtroppo è alla presidenza della nostra amata società. Il Club granata è l’unico ad avere un patrimonio di tifo immenso, come dimostrato dalle celebrazioni virtuali della 71ª ricorrenza della tragedia di Superga. Nonostante ciò, la gestione Cairo, che dura da quindici anni, procede inesorabilmente con l’evidente volontà di mantenere dormiente il vulcano di passione, impedendone l’eruttazione.

Il quindicesimo anno della gestione Cairo potrebbe ancora concludersi in maniera disastrosa (se dovesse riprendere ufficialmente il campionato 2019/2020) con la retrocessione in Serie B, proprio nell’anno che avrebbe dovuto consacrare il Toro in una dimensione europea. Il presidente ha scelto di sostituire alla casella direttore sportivo, nell’organigramma societario, l’uscente Petrachi con l’outsider Bava, senza mai presentarlo ufficialmente alla stampa. Una scelta scriteriata perché era evidente che Bava non fosse pronto al compito per ovvie ragioni. Nel corso della stagione l’impronta del direttore sportivo è stata pressoché inesistente sia nel mercato estivo che in quello invernale. Ma se le attenuanti erano tutte dalla parte dell’ex responsabile del settore giovanile granata, l’unico modo da parte di Cairo per dare un senso alla scelta estiva era quello di difenderla e dimostrare che si trattava di una decisione ponderata con obiettivi a medio e lungo termine. Invece cosa fa Cairo? La rinnega e chiama Vagnati, ammettendo di conseguenza il fallimento delle sue scelte, che rappresentano dunque la ragione del disastro stagionale.

Un ruolo importante Bava l’aveva in effetti esercitato portando Longo e Asta, colorando con un po’ di granata il Toro attuale. Evidentemente al presidente Cairo avere membri troppo legati ai nostri colori deve dare molto fastidio. Ecco dunque in un colpo solo che Bava, e con ogni probabilità Longo (con il suo staff, quindi compreso Asta), saranno silurati per far posto al nuovo ds Vagnati e alle sue scelte (Semplici?). Quant’è bravo il nostro presidente che in un colpo solo rischia di bruciare le carriere di mister e ds? Ancora una volta dunque la proprietà rivoluziona l’assetto dello staff tecnico della squadra. In quindici anni è l’ennesima rivoluzione, ma tornando al quesito di inizio articolo, quando il presidente avrà il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e apportare l’unico cambiamento che non è mai stato fatto in questi tre lustri? L’unico modo che avrebbe Cairo di regalare una gioia ai tifosi, sarebbe quello di dare mandato ad intermediari finanziari per cercare un compratore interessato ad investire sul serio sul patrimonio che il Toro rappresenta, salutando Torino una volta per tutte.

Dunque dopo i fitti contatti con Raiola ecco che Bava riceve il ben servito da direttore sportivo nel giorno più importante dell’anno per i tifosi e nel luogo simbolo per eccellenza, il Filadelfia. E’ stato più volte detto dal sottoscritto e da altre autorevoli firme che la scellerata scelta di strappare Bava dal settore giovanile abbia causato problemi alla Prima Squadra per il suo non essere pronto e per l’improvvisazione della stessa, ma ha anche destabilizzato la formazione Primavera che, in campionato, dopo anni ai vertici quest’anno ha navigato nei bassifondi della classifica.

Anche se dispiace umanamente, perché nessuno merita di essere trattato come l’ormai già ex ds del Toro, la speranza è che Bava umilmente torni a capo del Settore Giovanile, ingoiando un rospo piuttosto grosso e difficile da mandare giù. Infatti, pur rammaricandomene, non biasimerei affatto Massimo Bava qualora decidesse di lasciare il Toro dopo tanti anni per cercare altrove maggiori gratificazioni. Dunque prosegue il copione di un film già visto, una saga che vede i tifosi e il nostro Toro come le vittime designate e il presidente Cairo come carnefice. L’unica consolazione è che presto o tardi questa saga avrà una fine.

0 0 vote
Article Rating

73 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
radice10
radice10
1 mese fa

Va bene visto che insiste sono obbligato a rispondere Primo l’appellativo di sgherro mi è stato affibbiato, purtroppo quel commento in tuo soccorso è sparito Secondo mi è stato dato del tanghero dal tuo socio “Qualcuno “ e non è certo un complimento. Terzo chi ha pensato di spaventarmi data… Leggi il resto »

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  radice10

Lei viene trattato x come tratta gli altri,a buon intenditor..

radice10
radice10
1 mese fa

Cosa fa Madde71 mi tallona? classico comportamento di un segugio o di un serial Killer ? Probabile questa seconda dal modo in cui “qualcuno” lo ha fatto palesare ai mie occhi un gigante di due metri per 85 kg. Tremo tutto, brrr, che tremore, occhio che sono uno sgherro e… Leggi il resto »

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  radice10

Mago othelma è un soprannome che mi ha dato lei dall’alto della sua finta educazione e dai suoi modo di fare da mafiosetto di provincia. Un un forum di calcio lei parla di sgherri? Lei minaccia cosa? A chi? Parla di guardie del corpo? Per che cosa? Cosa ci è… Leggi il resto »

radice10
radice10
1 mese fa

Caro Vegeta, vedi sono arrivati i rinforzi, ma io me ne sbatto i gemelli di loro, risponderò sempre a tono e comunque grazie per il consiglio. Madde71 sa quante volte Cristo ha definito ipocriti tutti quelli come lei.Ed eccoci a quel “Qualcuno” tralascio le solite frasi su “ecco il tifoso… Leggi il resto »

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  radice10

Quelli come lei sepolcri imbiancati

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  madde71

Non ho intenzione di farle paura,stia tranquillo, non me ne può fregare di meno,mi basta averla inquadrata, nessuno problema fucsia cairota. Di vegeta mi ricordo soprattutto lo spavento qdo l’Avv Marengo comincio’a scrivere sul sito le cose che poi scrisse nel libro. Fu cofi spaventato che chiese,tra l’ilarita altrui,di chiedere… Leggi il resto »

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  madde71

Non avendo..sorry

madde71
madde71
1 mese fa
Reply to  madde71

Ultima cosa,per un po’ stacco,il lavoro mi assorbirà parecchio,soprattutto quello sportivo. Leggerò sempre,per relax,alcuni fucsia mi mettono ilarità, uno solo puro disprezzo. Vi anticipo una cosa:tanti nomi escono come futuri mister,ma all’editorino piace pioli,lo voleva già dopo Ventura,ma farispenti lo convinse a puntare su Sinisa,a cui auguro ogni bene .pioli… Leggi il resto »

alextrusk
alextrusk
1 mese fa
Reply to  madde71

Anche per la panchina,ci sono DUE ENTITA’ Uno è Pioli l’altro non si sa….🤣 ma vada via e ciap…..fanfarone badola