Il punto sull’arbitro Abisso che ha diretto la sfida Torino-Lazio, terminata col punteggio di 1-1

Un’altra direzione discutibilmente severa di Rosario Abisso ha caratterizzato la partita del “Grande Torino” tra Torino e Lazio. Così come nell’ultimo precedente, in occasione dell’incontro valido per la 12^ giornata del campionato scorso tra i granata e la Roma, l’arbitro della sezione AIA di Palermo ha adottato un metro piuttosto rigido e non sempre equo che ha generato malumori ed irritato soprattutto i granata. Nel primo tempo in particolare Abisso dimostra di essere particolarmente fiscale per quanto riguarda contatti e provvedimenti disciplinari: al 17’ il primo cartellino giallo è per Mandragora che interviene in scivolata su Akpa Akpro cercando il pallone ma c’è anche il contatto con il piede dell’avversario e Abisso non soprassiede. Tra un’interruzione e l’altra, causate dal pressing forsennato dei padroni di casa e l’eccessivo zelo arbitrale, si arriva alla giusta ammonizione al 32’ per Aina il quale, dopo aver perso malamente palla, strattona Felipe Anderson in ripartenza. Al 37’ il cartellino più affrettato è per Brekalo che interviene col piede alto per controllare un pallone vagante non accorgendosi della presenza di un avversario vicino ma Abisso lo valuta come intervento a gamba tesa ed ammonisce il croato. Non sono mancate le sviste come quando al 43’ non concede un calcio d’angolo al Torino ma rimessa dal fondo a favore dei biancazzurri nonostante l’ultimo tocco di Akpro (e non di Pobega).

Il secondo tempo

Al 47’ poi Marusic va dritto fallosamente su Aina e diviene il primo laziale a finire sul taccuino dell’arbitro.
Nel secondo tempo il leit motiv non cambia: tra qualche errore di valutazione e un metro severo, Abisso ammonisce il Milinkovic-Savic laziale per un fallo su Aina al 60’ e Luis Felipe al 66’ per uno sgambetto a Brekalo. All’85’ Pjaca termina a terra dopo un contrasto al limite dell’area di rigore biancoceleste ma l’arbitro fa continuare tra le proteste dei granata ed in particolare di Juric. Al 90’ il rigore concesso alla Lazio è causato da un intervento in ritardo di Djidji sul neo entrato Muriqi: il difensore, dopo esser stato superato dal pallone appena dentro l’area, allunga la gamba toccando però sulla coscia l’attaccante. Non c’è bisogno di on field review, rigore netto. Al 94’ ultima incertezza, stavolta cambia decisione correggendosi e assegnando una rimessa dal fondo ai granata anziché il corner precedentemente accordato agli ospiti. Dopo questa gara il bilancio della squadra di Juric con il direttore di gara siciliano è di 5 vittorie, 3 pareggi, e 4 sconfitte.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
21 giorni fa

Questo arbitro non mi ha convinto,a parte le ammonizioni affrettate,ha sbagliato anche 3 volte a non dare il calcio d’angolo a noi.

ardi06
ardi06
21 giorni fa

Uno dei tanti arbitri orientati in un certo modo. Lui lo chiamo un abisso di merxa

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
22 giorni fa

Secondo quanto visto in tv , Mandragora non ha assolutamente toccato l’avversario , ma gli ha portato via la palla pulita in scivolata.
Ammonizione farlocca, a mio parere.

tric
tric
22 giorni fa

Esatto

T9
T9
22 giorni fa

Ma non è vero, ha preso pure il giocatore. Il Problema semmai è che, avendo preso anche la palla, delle due una: o l’ammonizione di Mandragora è eccessiva oppure, se non lo è, andava espulso il laziale (non ricordo il nome) entrato su Brekalo. Pure i laziali, in un loro… Leggi il resto »

Dubbiosa
Dubbiosa
21 giorni fa
Reply to  T9

Condivido la tua visione. Credevo che il VAR intervenisse per far rivalutare l’intervento all’arbitro, è andato dritto con il piede a martello sulla caviglia di Brekalo!!!

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
21 giorni fa
Reply to  T9

Non insisto, perché non ho certezze totali come le tue , relativamente al fallo con ammonizione a Mandragora.
Il resto che hai aggiunto sul tuo post, non l’avevo considerato, ma ci sta.

Sassuolo-Torino, Piccinini e Var ok

Il punto sull’arbitro / Venezia-Torino, Maggioni di manica larga