Il punto sull’arbitro di Carlo Quaranta: ecco l’analisi della prestazione dell’arbitro Guida della sezione di Torre Annunziata in Torino-Atalanta 0-7

Di fronte ad una débacle del genere assume una connotazione quasi irrilevante la prestazione arbitrale che, peraltro, non presenta particolari errori o lacune. A Marco Guida che ha la fama di essere un arbitro troppo fiscale e dal cartellino facile si potrebbe a malapena rimproverare di aver valutato con eccessiva inflessibilità l’episodio del primo rigore assegnato alla squadra di Gasperini ma la sua direzione è stata senz’altro più che sufficiente. Al 15’, tuttavia, il fischietto di Torre Annunziata è piuttosto clemente su De Roon che commette un fallo da dietro su Belotti: l’ammonizione ci starebbe ma Guida assegna solo il calcio di punizione.

Toro-Atalanta, rigore su Ilicic confermato anche dal VAR

Alla mezz’ora il rischio del giallo (per simulazione) se lo prende anche Verdi che, senza essere toccato, cade in area bergamasca: probabilmente lo salva dal cartellino la mancanza di richieste/proteste. Al 37’ inevitabile l’ammonizione per De Roon per l’ennesimo fallo sul capitano granata ed al 44’ ammonizione pesante per Izzo (diffidato, salterà Lecce) che impedisce con un fallo la progressione a Gomez.

Al 45’ il rigore “incriminato”: Ilicic, all’ingresso dell’area di rigore, va via a Lukic che istintivamente gli mette la mano sulla spalla trattenendolo leggermente; lo sloveno, sentendosi toccare, ferma la corsa e si getta a terra e l’arbitro che è a due passi decreta la massima punizione. Il tocco c’è (ed andava evitato) ma l’entità sembra talmente lieve che forse si sarebbe potuto lasciar correre. Tuttavia, come detto, l’arbitro era vicinissimo e il rigore viene confermato anche dal VAR.

Tanti cartellini ed interventi irregolari nella ripresa

Nella ripresa l’Atalanta dilaga grazie ai gol di Ilicic (entrambi regolari) in apertura e Lukic (diffidato) al 68’ rischia l’ammonizione per una trattenuta sul neoentrato Pasalic. Al 76’ Izzo rimedia anche la seconda ammonizione per un intervento in ritardo su Djimsiti e viene espulso. All’86’ Meité, dopo aver perso il pallone, interviene in scivolata su Toloi atterrandolo: rigore sacrosanto. Infine, all’89’ i granata restano persino in nove per un fallo di frustrazione di Lukic su Gomez; nell’occasione ammoniti per proteste anche Sirigu e Hateboer.

Così, anche Marco Guida che finora vantava un bilancio piuttosto lusinghiero con il Torino (9 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte) lega il suo nome al record negativo del passivo casalingo più umiliante in 113 anni di vita del Torino.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-01-2020


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
11 mesi fa

la colpa che do all’arbitro è quella di non aver sospeso la partita per manifesta inferiorità

ToroTo
ToroTo
11 mesi fa

Colpa dell’arbitro. Ha fischiato il calcio d’inizio.

Gigi Meroni
Gigi Meroni
11 mesi fa

Il gatto e la volpe, o il nano e l’ubriacone, stanno infangando la storia granata (e diciamolo anche.., con la responsabilità dei giocatori, il cui livello tecnico é assai mediocre, a parte alcuni..).

Sassuolo-Torino: Massa senza macchie

Milan-Torino, gli episodi discussi: Pasqua grazia Rebic