Atalanta-Torino 2-1, Aureliano inappropriato

di Carlo Quaranta - 23 Aprile 2018

Torna il punto sull’arbitro di Carlo Quaranta: ecco il giudizio su Gianluca Aureliano, direttore di gara di Atalanta-Torino 2-1

Sin da subito quella di Gianluca Aureliano, alla prima assoluta coi granata e appena alla sesta direzione in serie A, non è parsa una designazione adeguata all’importanza del match ed alla posta in palio. L’arbitro della sezione AIA di Bologna in generale non ha demeritato né ha commesso errori grossolani o particolarmente vistosi ma alcune decisioni sono sembrate piuttosto scolastiche ed hanno danneggiato i granata, in particolar modo sul secondo gol atalantino. Al 2’ duro contrasto tra Gomez e Sirigu in uscita: l’argentino va in pressione, scivola e carambola sul portiere commettendo un fallo che ricorda quello che costò il secondo cartellino a De Silvestri mercoledì scorso contro il Milan. Nei primi minuti il gioco viene più volte fermato per assegnare calci di punizione da una parte e dall’altra e al 15’ c’è un giusto offside segnalato a Belotti. La partita continua senza grandi sussulti e al 39’ un intervento di Freuler su Rincon poteva essere punito anche con un provvedimento disciplinare.
Al 50’ la prima ammonizione della gara è per Caldara che trattiene vistosamente Edera nei pressi dell’area bergamasca. Cinque minuti dopo cartellino giallo meno netto anche per De Roon che commette fallo su Ansaldi. Al 61’ una girata di Ljajic in area di rigore viene deviata da Gosens in angolo ma l’intervento, peraltro molto ravvicinato, non sembra col braccio, giusto quindi non fischiare il penalty.

Atalanta-Torino 2-1: il punto sull’arbitro Aureliano dopo la partita del 22 aprile 2018

Al 64’ Aureliano fischia un fallo molto dubbio di Belotti su Caldara nella metà campo orobica: sembra più il difensore nerazzurro a trattenere il Gallo per un braccio mentre quest’ultimo cerca di divincolarsi. L’arbitro opta “scolasticamente” per la concessione del calcio di punizione a favore del difendente e questa decisione porta al gol partita poiché sull’azione susseguente Gosens sigla il 2-1. All’83’ cartellino giallo pesantissimo per Ansaldi (unico diffidato tra le file dei granata) per un intervento veniale ma in ritardo su Gomez. Nel finale ammonito anche Moretti per proteste al 93’. Nessun dubbio sulla regolarità dei tre gol e partita tutto sommato tenuta in pugno dall’arbitro romagnolo che però in certi frangenti è apparso un po’ troppo teso e condizionato dalla paura di sbagliare.
Alla luce di tutto ciò si ritorna alla domanda iniziale su come mai il designatore Rizzoli abbia indicato un arbitro inesperto per una partita così importante. Ciò non significa che una designazione più appropriata sarebbe stata certamente migliore (anzi, tante volte quelli più esperti hanno commesso più errori) ma senz’altro sarebbe stata più logica.

più nuovi più vecchi
Notificami
poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

ma come si fa a far arbitrare una partita così importante a un arbitro senza nessuna esperienza.di errori ne ha commessi altroché,non vedendo un fallo di mani in area su una mezza rovesciata di ljaijc e fermando Belotti x un fallo non fatto assolutamente.

McKenzie
Utente
McKenzie

Aggettivo che per gli arbitri italiani è molto usato. Per quelli internazionali invece va molto “insensibile”. 🙂

TRAPANO
Utente
TRAPANO

Di inappropriato ieri c’era il Toro messo in campo da Mazzarri…