Torino-Milan, Maresca deciso ma non sempre preciso

di Carlo Quaranta - 19 Aprile 2018

Ritorna il punto sull’arbitro del nostro Carlo Quaranta: ecco il giudizio sull’operato di Maresca, direttore di gara in Torino-Milan

Ha avuto il merito di apparire sicuro nelle sue decisioni l’arbitro Fabio Maresca della sezione AIA di Napoli che ha diretto la sfida del “Grande Torino” tra i granata e il Milan. Tuttavia, pur riuscendo a condurre in porto il match senza commettere errori grossolani e senza inutili protagonismi, forse in alcuni episodi l’operato arbitrale è sembrato rivedibile. Non fa una grinza la concessione del penalty a favore del Torino al 2’ per un netto sgambetto da dietro di Kessie su Ansaldi in area rossonera tanto che Maresca appare subito convinto senza bisogno della conferma del VAR: nessuna protesta da parte del centrocampista ivoriano al quale tuttavia viene risparmiata l’ammonizione. Al 21’ in seguito ad una punizione accordata agli uomini di Mazzarri per un fallo di Suso su Ansaldi, scaramucce tra Burdisso e lo stesso Suso che il direttore di gara seda col dialogo e senza prendere provvedimenti disciplinari (che nella circostanza avrebbe anche potuto prendere).

Ammonizione pesante invece per De Silvestri al 25’ che non riuscendo a fermare lo slancio finisce per affossare Borini. Nei minuti successivi la partita si anima e l’arbitro opportunamente deve fermare più volte il gioco. Al 43’ cartellino giallo anche per Rincon per un intervento scomposto su Suso (il venezuelano cerca di colpire il pallone ma scalcia lo spagnolo). Al 45’ giusta interpretazione del direttore di gara che dapprima lascia finire l’azione concedendo il vantaggio al Torino e poi ammonisce Bonaventura per un fallo (intervento in ritardo) su Baselli. Al 51’ rilevato correttamente un fuorigioco di De Silvestri su lancio di Baselli e un minuto dopo Belotti riceve un colpo al volto da Kessie che l’arbitro ritiene fortuito lasciando proseguire ma che sarebbe potuto essere sanzionato. I ritmi si abbassano e Maresca si fa notare di meno ma al 72’ estrae un cartellino giallo pesante ai danni del diffidato Baselli per un’entrata decisa in scivolata su Kalinic: il provvedimento è giusto.

Al 79’ ammonito anche Cutrone per proteste dopo una punizione concessa a suo sfavore. All’87’ Locatelli va diretto col braccio sul volto di Ansaldi che stava uscendo bene sulla propria trequarti, Maresca lo ammonisce ma la volontarietà dell’intervento avrebbe potuto farlo optare anche per un cartellino di colore diverso. Peraltro nella stessa azione ci sarebbe un altro fallo da ammonizione ovvero un’entrata di Borini su Edera. Al 93’ l’arbitro partenopeo è invece inflessibile su De Silvestri che punisce con il secondo cartellino giallo e con la conseguente espulsione: nella circostanza il terzino scivola commettendo fallo su Rodriguez e infortunandosi ma Maresca non si impietosisce. Per quanto riguarda le statistiche va sottolineato che al quarto incrocio con i granata matura il primo pareggio dopo due vittorie e una sconfitta (quella del 9 marzo scorso contro la Roma).

più nuovi più vecchi
Notificami
poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

secondo me manca una ammonizione al Milan su borini e quella su kessie sul rigore.eccessivo invece il secondo giallo a de Silvestri in quanto si vede che scivola.cmq ci sta dai.meglio lui che tanti altri.

Toro Toro Toro
Utente
Toro Toro Toro

In confronto ad altre ciofeche di arbitri, beati gli orbi tra i ciechi (e magari anche prezzolati)……