Chievo-Torino, Di Bello senza macchie

2
Di Bello

Il punto sull’arbitro Di Bello che ha arbitrato la sfida tra Chievo Verona e Torino, anticipo del sabato terminato 0-0

Tanta ordinaria amministrazione e pochi grattacapi veri e propri per Marco Di Bello, l’arbitro della sezione AIA di Brindisi designato per dirigere la partita del Bentegodi tra Chievo Verona e Torino. Metro di valutazione piuttosto inglese e poche decisioni difficili da prendere che potessero intaccare la conduzione di gara del 36enne ben coadiuvato dai suoi assistenti nelle segnalazioni delle posizioni di offside e nella gestione complessiva di gara.
Tutte giuste le chiamate fino al 23’ quando non viene rilevato un fallo su Belotti a centrocampo e, probabilmente, anche su Rincon al 27’ toccato duro da Rigoni. Al 31’ ammonizione inevitabile per Bani che è costretto a commettere un fallo tattico trattenendo Baselli in fuga sulla trequarti clivense.

Di Bello, il bilancio col Toro resta positivo

Al 50’ proteste di Ljajic che invoca un tocco di un avversario che forse c’è ma l’arbitro non se ne avvede. Anche al 75’ uno spintone di cacciatore su Barreca poteva essere sanzionato. Più delicato il caso al 78’ quando Ansaldi viene affrontato in tackle al limite dell’area di rigore gialloblu da Bani il cui intervento è comunque prima sul pallone (che poi gli carambola sul braccio): Di Bello, coerentemente con il metro fin lì utilizzato, lascia proseguire il gioco. All’88’ però l’arbitro brindisino estrae il cartellino rosso diretto al già ammonito Bani che nella circostanza si rende protagonista di un’entrata pericolosa ed in ritardo sulle caviglie di Bonifazi. Infine al 92’ ammonito per proteste Inglese.
Dopo il pareggio a reti inviolate di ieri, il bilancio di Marco Di Bello (che in questa stagione non aveva ancora diretto il Torino) con i granata resta positivo: tre vittorie, due pareggi, una sconfitta.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

se proprio vogliamo trovare un appunto è l’intervento su ansaldi in area di rigore.è vero che tocca il pallone,ma poi finisce per toccare i piedi dello stesso ansadi in modo un po’ troppo irruento.

Toro 8 scudetti
Utente
Toro 8 scudetti

Bravo. La partita di ieri comunque la potevo arbitrare pure io