Il punto sull’arbitro Marini, fischietto di Roma che ha diretto la gara tra Bologna e Torino: ecco l’analisi di Carlo Quaranta

Direzione di gara molto incline al dialogo con i giocatori ma piuttosto puntigliosa quella dell’arbitro Marini della sezione AIA di Roma 1 all’esordio sia con i felsinei che con i piemontesi. Tuttavia vi sono stati dei momenti nei quali non è stato risoluto come avrebbe potuto essere e come il metro utilizzato nell’arco dei 90’ avrebbe imposto: già al 2’ ad esempio Poli trattiene reiteratamente Belotti commettendo fallo al limite dell’area ma il fischietto romano grazia il rossoblù sebbene l’applicazione del regolamento avrebbe consigliato l’ammonizione. Al 17’ non viene invece perdonato N’Koulou per un’entrata energica in scivolata a centrocampo su Barrow: in questo caso giusto concedere dapprima il vantaggio all’azione bolognese e infine ammonire il difensore granata. Al 25’ l’azione del gol di Barrow appare viziata in partenza da un tocco di mano di Orsolini in area emiliana, l’intervento è scomposto ed il tocco fortuito ma il VAR Mariani non interviene e il gol dei padroni di casa viene convalidato senza alcun approfondimento. Al 28’ cartellino giallo corretto anche per Baldursson per un fallo netto su Mandragora. Ineccepibile l’ammonizione per Rincon che al 47’ ferma con un fallo tattico in attacco la ripartenza di Sansone.

Marini, richiamato dal Var sul tocco di braccio di Soumaro: episodio giudicato involontario

Ad inizio ripresa l’episodio più discusso ed è ancora un tocco di braccio da parte di un difensore del Bologna, stavolta Soumaro, nella propria area a sollevare dei dubbi: in questo caso il VAR richiama l’attenzione dell’arbitro il quale tuttavia non viene richiamato all’on field review ma attraverso un check viene invitato a soprassedere sebbene il braccio del maliano fosse piuttosto largo. Probabilmente nella valutazione si è tenuto conto di un rimpallo fortuito e dell’involontarietà e si è stabilito che non vi fossero gli estremi per la punibilità ma un’occhiata al monitor da parte dell’arbitro avrebbe fugato residui dubbi. Al 53’ ammonito Mbaye autore di un fallo su Belotti lanciato in contropiede, un provvedimento che ci sta nonostante il capitano granata se lo cerchi con astuzia. Errori per casi analoghi da parte di entrambi gli assistenti nel giro di pochi minuti: dapprima non viene concesso un corner ai rossoblù (ultimo tocco di N’Koulou su Barrow) e successivamente ai granata (Mbaye su Singo). All’81’ infine ammonizione per Danilo che in scivolata falcia Ansaldi. Da segnalare anche le ammonizioni, una per tempo, di componenti delle due panchine: per i felsinei il collaboratore tecnico De Leo e per i granata l’allenatore in seconda, Cacicia.

Var maxischermo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-04-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
3 mesi fa

Ormai al Var non ci credo più,fanno e decidono come vogliono e a chi vogliono.

ardi06
ardi06
3 mesi fa

So solo che il cagliari ha vinto con un rigore per fallo di mano molto meno evidente di quello non fischiato contro il Bologna . Due partite che il cagliari ha più xulo che anima.

T9
3 mesi fa

Troppi falli da entrambe le parti e lui troppo “fischiaiolo”. Risultato un incontro spezzettatissimo al limite del nevrastenico

Torino-Roma: Massa all’inglese ma severo con Diawara

Torino-Napoli, Valeri intransigente