Il punto sull’arbitro Valeri, fischietto di Roma che ha diretto la gara tra Torino e Napoli: ecco l’analisi di Carlo Quaranta

Come nella partita di andata, Paolo Valeri è stato l’arbitro designato per dirigere la sfida tra Torino e Napoli. Il fischietto romano, peraltro, è già alla quarta direzione stagionale con i granata dopo il pareggio contro i partenopei al Diego Armando Maradona, la vittoria in casa del Genoa e la sconfitta interna contro l’Inter. Ed anche in questa partita Valeri si è distinto per una direzione piuttosto pignola, con interruzioni frequenti e punizioni puntuali ad ogni contatto sospetto, un metodo che per tutto il primo tempo è stato piuttosto equo ed ha portato solo ad un provvedimento disciplinare (ma pesante per gli uomini di Nicola) proprio al 45’ nei confronti del diffidato Verdi per un’entrata imprudente su Politano.

Qualche caso (e sbavatura) in più nella ripresa nel corso della quale mantiene lo stesso metro di giudizio pur commettendo qualche errore di valutazione come al 54’ (fallo di Izzo invertito) e ammonisce per due volte Mandragora costringendo i granata in dieci negli ultimi minuti e soprattutto privandoli di un altro centrocampista fondamentale nella partita contro il Parma. Il primo cartellino nei confronti dell’ex Udinese giunge al 58’ per un fallo su Rrhamani in ripartenza.

Valeri, il secondo giallo a Mandragora severo ma coerente

Al 68’ viene giustamente ammonito anche Osimhen per un intervento duro su Linetty. All’87’ il secondo cartellino giallo ai danni di Mandragora che mette una mano sulla spalla di Lozano in possesso del pallone lungo l’out destro: il provvedimento ci sta anche se può apparire severo poiché il centrocampista sembra poggiare appena la mano sulla spalla del messicano che si ferma subito chiamando di fatto il fallo che Valeri concede (ed a quel punto l’ammonizione diventa inevitabile). La sanzione, come detto, è tutt’altro che scriteriata considerato il rigido modus operandi coerente per tutto l’arco del match (e non sono stati rari i casi nei quali si ha avuto l’impressione che concedesse anche punizioni “a chiamata”) sebbene, non trattandosi di una trattenuta così evidente e considerato il momento e l’andamento della gara, avrebbe anche potuto chiudere un occhio sul fallo.

Nel complesso comunque la partita è stata piuttosto agevole e tutto sommato all’arbitro romano va dato atto di averla condotta col solito piglio deciso ma in modo equo. Per lui si è trattato del quindicesimo incrocio con il Torino ed il bilancio vede una sola vittoria, ben dieci pareggi e quattro sconfitte.

Referee Paolo Valeri gestures during the Serie A football match between Torino FC and SSC Napoli. SSC Napoli won 2-0 over Torino FC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-04-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
3 mesi fa

Lungi da me criticare Nicola che sta facendo molto bene,ma nel caso di Mandragora ha sbagliato a tenerlo in campo.far entrare baselli e far uscire Ansaldi secondo me è stata una mossa sbagliata.ormai la partita era persa perché non far uscire Mandragora?

Rob72
Rob72
3 mesi fa

Valeri si è dimostrato il solito foglio di sua mamma

angelo62
angelo62
3 mesi fa

il rigido modus operandi che però ha lasciato indenne bakayoko.
E, secondo me, manca un rigore su Buongiorno per spinta da dietro mentre tenta di colpire di testa sottoporta

Il punto sull’arbitro / Bologna-Torino, Marini puntiglioso, ma in area rossoblù…

Torino-Parma, pochi problemi per Aureliano