Il punto sull’arbitro Massa che ha diretto la sfida tra Toro e Roma terminata con la vittoria, 3-1, della squadra di Davide Nicola

Ha lasciato qualche dubbio la direzione dell’arbitro Davide Massa in Torino – Roma, non per clamorosi errori in episodi rilevanti ma per una gestione della gara per buona parte troppo permissiva e per le relative sanzioni disciplinari (talvolta mancanti e talaltra esagerate come nel caso della doppia ammonizione a Diawara).
La partita è iniziata subito in salita con il gol di Borja Mayoral al 3’ dapprima annullato su segnalazione di offside dell’assistente Vecchi e poi convalidato a seguito del check del VAR Guida, Ansaldi e Bremer tengono in gioco lo spagnolo. Al 6’ Belotti, disturbato da Reynolds al momento del tiro, termina a terra al limite (forse dentro) dell’area di rigore ma a parere dell’arbitro in modo regolare e difatti anche le immagini lo confermano. Situazione simile al 31’ quando è Fazio a venire a contatto con Belotti in area giallorossa ma anche in questo caso l’intervento non pare tale da giustificare la concessione della massima punizione. Il direttore di gara della sezione AIA di Imperia, come detto, ha adottato un metro piuttosto permissivo e, pur essendo sempre vicino all’azione e fischiando coerentemente ed in modo equo, ha tuttavia chiuso più di un occhio su possibili provvedimenti disciplinari (tra gli altri rischiano N’Koulou, autore di un paio di interventi da dietro ed Ansaldi per un’entrata pericolosa lungo la linea laterale).

Massa, le decisioni del secondo tempo

Al 51’ Massa mette mano ai cartellini ed il primo a farne le spese è proprio N’Koulou per un’entrata a piede alto su Carles Perez. Al 54’ Mkhitaryan va in gol sulla respinta corta di Milinkovic Savic ma la marcatura viene giustamente annullata a causa di una netta posizione di offside dell’armeno al momento della conclusione di Carles Perez. Al 65’ Verdi perde il controllo del pallone e poi commette un fallo tattico su Reynolds in ripartenza venendo inevitabilmente ammonito. Al 74’ cartellino giallo discutibile per Diawara che commette fallo su Rincon ma quest’intervento è successivo a due precedenti avvenuti qualche attimo prima (il primo ai danni di un giallorosso, il secondo su un granata) e le proteste della Roma sembrano giustificate. All’85’ infine la seconda ammonizione e la conseguente espulsione di Diawara per un pestone ai danni di Zaza al limite dell’area giallorossa: in questo caso il provvedimento ci sta ma va considerato che la direzione di gara è stata abbondantemente “all’inglese” fino all’episodio del primo cartellino giallo al guineano.
Dopo questa partita salgono a 3 le vittorie del Torino con l’arbitro ligure mentre restano 5 i pareggi e 8 le sconfitte per un bilancio complessivo ancora nettamente passivo.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-04-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
6 mesi fa

Lo score che Massa ah verso di noi parla da solo.
L’espulsione si Diawara non compensa le malefatte del passato

odix77
odix77
6 mesi fa

espulsione inesistente , ma non credo abbia inciso sulla partita… lo setsso fonseca non ha protestato ammettendo la superiorità almeno in questa gara del Toro sulla roma.

angelo62
angelo62
6 mesi fa

l’ammonizione a diawara è dovuta alla modalità del fallo su Rincon, con un’entrata che sembrava fatta per farsi giustizia del presunto precedente fallo subito. E in quel contesto gli è stata risparmito il secondo giallo per vistose reiterate proteste

Gotti reclama, ma Doveri non sbaglia: le decisioni sono corrette

Il punto sull’arbitro / Bologna-Torino, Marini puntiglioso, ma in area rossoblù…