Il punto sull’arbitro Massa della sezione AIA di Imperia, fischietto designato per Hellas Verona-Torino, match terminato 1-1

Partita non particolarmente complicata e priva di casi scottanti quella che è stato chiamato a dirigere Davide Massa allo stadio Bentegodi tra il Verona ed il Torino. L’arbitro della sezione AIA di Imperia se l’è cavata senza particolari patemi pur lasciando qualche perplessità nella rilevazione di alcuni falli e possibili cartellini.

Al 7’ l’assistente non rileva un fuorigioco di Lazovic nell’azione che porta Sirigu a sventare il gol sul colpo di testa di Salcedo. Al 27’ il primo provvedimento disciplinare è a carico dell’allenatore scaligero Juric che protesta animatamente dopo un calcio di punizione concesso a Rincon. Al 29’ rischia qualcosa Verdi per un brutto fallo su Zaccagni mentre al 33’ l’intervento di Dawidowicz che ferma Belotti in ripartenza sulla trequarti viene giustamente sanzionato col cartellino giallo. Sacrosanta anche l’ammonizione al diffidato N’Koulou che al 37’ entra scriteriatamente da dietro senza possibilità di anticipo su Kalinic nella metà campo avversaria. Al 40’ Massa lascia incredibilmente proseguire il gioco dopo un intervento con piede a martello di Gunter su Mandragora da punirsi con l’ammonizione. Nel finale di tempo rischia il secondo giallo Dawidowicz per un fallo su Belotti ma anche in questo caso Massa soprassiede lasciando qualche dubbio.

Massa, nessun tocco di mano di Buongiorno nel finale contro il Verona

Anche il secondo tempo si apre con un possibile fuorigioco non ravvisato alla squadra di casa (di Kalinic al 49’), poi la gara è piuttosto spigolosa e spezzettata ma non ci sono provvedimenti disciplinari fino all’83’ quando Gunter viene ammonito per comportamento non regolamentare (perdita di tempo). All’86’ stessa sorte per l’autore del gol granata Vojvoda che si toglie la maglia nell’esultanza. All’89’ giallo per Kalinic per un’entrata fallosa ai danni di Belotti ed al 95’ ammonizione anche per Mandragora costretto ad un fallo tattico su Ilic dopo un errore di Bremer. Infine qualche protesta veneta per un presunto tocco di braccio di Buongiorno in area granata ma in questo caso è giusta la decisione di Massa che lascia proseguire poiché il pallone sembra colpire il fianco ed il braccio del difensore è comunque lungo il corpo e quindi in posizione non punibile tanto che il VAR non interviene.

Davide Massa ha così diretto per la terza volta in stagione il Torino e dopo la sconfitta patita in casa contro l’Udinese e la vittoria contro la Roma è arrivato anche il pareggio per un bilancio stagionale in perfetto equilibrio. Resta negativo invece quello complessivo (3 vittorie, 6 pareggi, 8 sconfitte).

Davide Massa
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-05-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
2 mesi fa

Non ho potuto vedere la partita,ma da quello che leggo ci poteva stare un espulsione alla fine del primo tempo ai danni del Verona.
Chissà magari la partita poteva cambiare…

tric
tric
2 mesi fa

Molte decisioni sui falli mi sono apparse assai approssimative. Direi un arbitro scarsino.

maurone
maurone
2 mesi fa

Massa per noi è una maledizione, da qualsiasi parte lo si guardi.

T9
2 mesi fa
Reply to  maurone

A me pare che, specialmente da 2 anni a questa parte, siamo noi ad essere la maledizione di noi stessi, altro che Massa!

Torino-Parma, pochi problemi per Aureliano

Torino-Milan, Guida giudica bene sul rigore