Il punto sull’arbitro di Carlo Quaranta: ecco l’analisi degli episodi da moviola di Milan-Torino. L’arbitro era Maresca

Spesso mal piazzato e fuori posizione per poter giudicare adeguatamente gli episodi, l’arbitro Fabio Maresca, designato per la partita tra Milan e Torino, non ha diretto una gran partita ammonendo sette uomini (troppi!) ed ostacolando anche qualche azione (come quando a fine primo tempo si è messo in mezzo tra due giocatori del Torino impedendo a Gojak di giocare il pallone e favorendo così una pericolosa ripartenza milanista). In avvio il direttore di gara lascia molto giocare e fischia poco, poi il primo ad essere ammonito è stato l’allenatore dei rossoneri Pioli per proteste al 23’. Al 26’ invece cartellino giallo pesante per i granata: subito dopo il gol del vantaggio realizzato da Leao, Maresca ammonisce Rincon per un blocco su Theo Hernandez nell’azione del gol; il venezuelano era diffidato e salterà la prossima partita di campionato.

Rigori dati e non dati: come ha arbitrato Maresca

Al 32’ il primo dei due episodi clou del match: sugli sviluppi di un corner, Brahim Diaz si incunea in area da destra e viene affrontato dapprima da Verdi che, dopo esser stato saltato, lo sbilancia un po’ e poi da Belotti che in piena area cerca di anticiparlo allargando la gamba destra per colpire il pallone. A velocità normale sembra che sia il rossonero a effettuare quasi uno sfondamento franando addosso al capitano del Torino e Maresca – benché parzialmente coperto – lascia proseguire ma dalle immagini alla moviola si nota che il piede di Diaz incrocia lo stinco di Belotti che ne determina la caduta.

Si tratta di un chiaro esempio di come il calcio dal vivo e quello televisivo possano dare percezioni diverse ed infatti il VAR Guida richiama all’on field review l’arbitro che cambia la propria decisione accordando il penalty ai padroni di casa. Al 38’ ammonizione per Brahim Diaz per un pestone a Bremer ed al 41’ stessa sorte per Romagnoli che affronta fallosamente Verdi in zona pericolosa: la decisione appare severa ma manca soprattutto il vantaggio ai granata nella circostanza. Giustamente ammonito invece Tonali al 47’ per un intervento su Gojak in ripartenza.

Verdi-Tonali: fallo in attacco o penalty?

Al 50’ il secondo episodio controverso: stavolta, in area rossonera, è Verdi che penetra lateralmente cercando lo spazio per la conclusione inseguito da Tonali il quale mette la gamba tra il pallone e Verdi che si accinge a calciare. Anche in questo caso l’arbitro non è nella posizione ideale poiché coperto e dal campo opta per il rigore a favore del Torino ma ancora una volta è richiamato dal VAR che lo richiama a visionare le immagini e da qui cambia idea probabilmente rendendosi conto che Tonali non cambia la propria corsa spostando la gamba per frapporsi al tiro e commettendo fallo su Verdi ma è quest’ultimo a colpire da dietro (ovviamente in modo involontario) l’ex bresciano. Pure in questo caso ci sarebbe da discutere nella differenza nel valutare l’episodio “in presa diretta” dal vivo e in tv e se ci sia anche qui il chiaro ed evidente errore tale da indurre il VAR a richiamare l’arbitro ma le due decisioni vivisezionate tecnologicamente appaiono certamente non clamorose.

La gara poi ha poco da dire se non per altri provvedimenti disciplinari: giusto il giallo a Dalot per un intervento duro su Murru al 66’ meno quello all’80’ per Leao dato per una simulazione dubbia giacché sembra che Murru lo stenda (o quantomeno si tratta di un intervento potenzialmente violento) in campo aperto. All’82’ Lukic tocca il pallone con un braccio volontariamente ma nonostante Maresca accordi la punizione non ammonisce il granata mentre all’85’ è sacrosanta l’ammonizione per Calabria per fallo tattico su Verdi.

Al 92’ ammonizione anche per Segre per un intervento a gamba tesa su Ibrahimovic, un minuto dopo ignorato un blocco di Theo Hernandez su Singo ed al 95’ ravvisato un fallo di mano inesistente di Ibrahimoic che tocca invece il pallone col fianco. Per l’insufficiente Maresca si è trattato dell’undicesimo incontro con il Torino ed il bilancio resta positivo per i granata: sono infatti 6 le vittorie dei granata, 1 pareggio e 4 le sconfitte.

arbitro Fabio Maresca
arbitro Fabio Maresca
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 10-01-2021


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
10 mesi fa

Ma di cosa parliamo? Ormai ho perso il conto dei torti avuti quest’anno…Cagliari,Sassuolo,Lazio,Inter,Milan…

Roby65(Filasempre)
Roby65(Filasempre)
10 mesi fa

Boh, Tonali mi pare lo specchio preciso di tutto. Siamo così mosci che manco protestiamo più. Tonali corre a fianco di Verdi, allunga per prendere il pallone, non ci arriva accorcia il passo e viene colpito. Verdi viene ostacolato nel calciare. Mica cerca la gamba di Tonali. Su Dazn, per… Leggi il resto »

Toro Toro Toro
Toro Toro Toro
10 mesi fa

sì, era rigore, esattamente come quello assegnato al Milan!

Bartolomeo Pestalozzi
Bartolomeo Pestalozzi
10 mesi fa

Non so cosa dice il regolamento (forse la regola prevede che l’arbitro debba fermare il gioco solo se tocca il pallone? Boh) ma sicuramente onesta intellettuale avrebbe voluto che il gioco venisse fermato nell’azione nella quale ha ostacolato Gojak; Il titolo è sbagliato. L’arbitro non era fuori posizione, era in… Leggi il resto »

Il punto sull’arbitro / Torino–Verona, per Di Bello direzione titubante

Milan-Torino, Valeri non delude