Juventus-Torino, Maresca sorvola su un secondo possibile rigore - Toro.it

Juventus-Torino, Maresca sorvola su un secondo possibile rigore

di Carlo Quaranta - 5 Luglio 2020

Come di consueto il giorno dopo a una partita del Torino, ecco il punto di Carlo Quaranta sull’operato del direttore di gara nel derby

È tornato subito a dirigere una partita del Torino Fabio Maresca. L’arbitro della sezione AIA di Napoli aveva infatti arbitrato la vittoriosa partita contro l’Udinese appena una settimana fa. Per lui ieri si è trattato della prima direzione in un derby coincisa con una data davvero insolita, in piena estate, e tutto sommato, anche grazie al VAR e nonostante resti più di qualche dubbio su un secondo possibile rigore ai granata, se l’è cavata.
Al 9’primi dubbi in area bianconera per un presunto tocco di braccio di Rabiot su cross di Lyanco ma, attraverso silent check, anche il VAR non ravvede gli estremi giacché la posizione dell’arto del francese risulta essere congrua. Al 20’ poteva starci un’ammonizione per Bernardeschi autore di un intervento in ritardo su Verdi in uscita. Per lo stesso motivo viene ammonito 6’ più tardi Bonucci (sempre su Verdi). Al 39’ cartellino giallo anche per Pjanic che commette un brutto fallo tattico su Berenguer. Al 46’ c’è un tiro di Verdi verso la porta di Buffon e sulla traiettoria si trova De Ligt che tocca il pallone col braccio: Maresca lascia proseguire ma viene richiamato all’on field review dal VAR Irrati dopodiché torna sui propri passi concedendo il giusto penalty ai granata poiché il pallone carambola dapprima sulla coscia e poi sul braccio dell’olandese in modo fortuito (pertanto secondo le nuove disposizioni l’involontarietà del tocco di coscia unitamente alla posizione larga del braccio fanno sì che l’intervento sia considerato punibile). Da regolamento anche la conseguente ammonizione di De Ligt.

Juventus-Torino: gli episodi del secondo tempo

Al 51’ annullato un gol al Torino per fuorigioco: su tiro di Berenguer Buffon respinge corto, sul pallone si avventa Belotti (che però si trovava al di là dell’ultimo difendente al momento del tiro dello spagnolo) che colpisce la traversa prima che Verdi ribadisca in rete di testa. Al 58’ cartellino giallo pesante per il diffidato Izzo che commette un fallo (evitabile) tattico su Ronaldo in ripartenza nella metà campo bianconera. Al 60’ ammonito anche Ola Aina per un tocco di braccio (largo) al limite dell’area granata: giusto concedere il calcio di punizione e ammonire l’esterno nigeriano per uniformità di giudizio con il provvedimento adottato nei confronti di De Ligt a fine primo tempo. Giusta la segnalazione di offside a Ronaldo al 69’ e l’ammonizione per Dybala (anch’egli diffidato) per simulazione al limite dell’area granata quando si lascia cadere senza esser toccato da Izzo. Al 72’ l’episodio più controverso: su un cross dalla destra dell’attacco granata il pallone scavalca Cuadrado e Belotti tentando l’aggancio termina a terra. Le immagini dimostrano che il capitano granata non perde l’equilibrio da solo bensì riceve un pestone sulla caviglia dal colombiano che arretrando tocca involontariamente l’attaccante. In questo caso sarebbe calcio di rigore nonostante l’involontarietà per danno procurato ma Maresca non lo concede e non va nemmeno a consultare il monitor. L’unica spiegazione potrebbe essere che consideri il fatto che il pallone che va verso l’esterno non fosse più nella disponibilità del bomber del Torino. Ma i dubbi restano.
Per il fischietto partenopeo che ha diretto con uniformità di giudizio si è trattato del decimo incrocio con i granata ed il bilancio, nonostante quest’amara sconfitta, resta ampiamente positivo (6 vittorie, 1 pareggio, 3 sconfitte).

arbitro Fabio Maresca
arbitro Fabio Maresca

4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
1 mese fa

Quello su Belotti mi pare netto.swcondo me lo avesse dato,Maresca avrebbe finito di arbitrare.

tric
tric
1 mese fa

Mi riferisco al titolo: se è per questo, aveva sorvolato anche sul primo!

ardi06
ardi06
1 mese fa

Ciclisti e udinese ci superano e il genoa rosicchia un punto. Direi bene

astigranata
astigranata
1 mese fa
Reply to  ardi06

Aggiungi la Fiorentina resuscitata e il Brescia che non è ancora morto.
Chi sono gli unici che non reagiscono?