Il punto sull’arbitro di Carlo Quaranta: ecco il giudizio sulla prova di Orsato in Spezia-Torino, partita terminata 4-1

L’internazionale Daniele Orsato ha diretto lo scontro salvezza tra Spezia e Torino con la giusta autorevolezza prendendo quasi sempre le decisioni apparse più opportune e nei casi più importanti ha giudicato bene due volte su tre. Si parte subito con due posizioni di offside giustamente segnalate dagli assistenti su Marchizza e Belotti al 7’ ed al 9’ mentre al 15’ uno scontro Mandragora – Ricci in area spezzina viene risolto dall’arbitro della sezione AIA di Schio con una punizione a favore del difendente che tuttavia lascia qualche dubbio. Al 18’ sul gol di Saponara l’azione sembra viziata inizialmente da un fallo di Agudelo su Sanabria ma l’arbitro lascia proseguire e nemmeno il VAR Mariani in questo caso valuta chiaro ed evidente errore la valutazione arbitrale. Al 27’ invece Agudelo non la fa franca e viene ammonito per un intervento con piede alto su N’Koulou.

Tutti gli episodi arbitrali di Spezia-Torino

Al 32’ il cartellino giallo viene sventolato ancora per punire un’entrata in scivolata di Vojvoda su Saponara e un minuto dopo per punire Pobega che non rispetta la distanza in occasione di un calcio di punizione del Torino. Al 40’ Orsato, ben piazzato, vede bene concedendo il penalty ai padroni di casa per un pestone di Vojvoda ai danni di Pobega. Il direttore di gara, con lo stesso metro, giudica bene anche l’intervento di Ferrer su Bremer al 53’ in area ligure poiché il brasiliano anticipa l’avversario che lo scalcia malamente, rigore netto. Al 57’ cartellino giallo per Rincon autore di un fallo tattico a centrocampo su Agudelo, giusto l’offside segnalato a Saponara un minuto dopo. Ineccepibile anche l’ammonizione a Buongiorno per un’entrata imprudente su Marchizza al 78’ mentre Farias viene ammonito all’80’ per proteste.

Orsato corretto dal VAR: Bremer non andava espulso

All’81’ l’unico vero abbaglio dell’arbitro che punisce con l’espulsione diretta il movimento col braccio di Bremer che per prendere posizione colpisce Maggiore col braccio sul volto: il VAR, seguendo il protocollo, lo richiama per rivedere al monitor il gesto del brasiliano che non è violento né intenzionale nel colpire al volto l’avversario (anche la differenza di altezza incide) e pertanto Orsato è costretto a rivedere la sanzione ed a tramutare il cartellino rosso in giallo. Al 91’ infine Orsato interviene per ammonire Verdi il quale in disperato recupero colpisce alla caviglia Nzola che si era appena liberato della palla. Ventiseiesima partita giocata dai granata con l’arbitro veneto con il quale il bilancio è sempre più negativo: 5 vittorie, 8 pareggi, 13 sconfitte.

Daniele Orsato
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-05-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
2 mesi fa

Avrà anche arbitrato bene,ma con Orsato non vinciamo mai…sarà un caso?

.

T9
2 mesi fa

Direi di no. Però il fatto è che ad Orsato danno le partite importanti/delicate e noi quelle non le vinciamo mai nemmeno se ce le arbitrassimo da soli.

angelo62
angelo62
2 mesi fa

a me sarebbe piaciuto fosse andato a rivedere l’azione su Mandragora in area dello spezia e il fallo su Sanabria prima del goal

Torino-Milan, Guida giudica bene sul rigore

Lazio-Torino, Fabbri non uniforme nei casi clou