Il Toro si è molto lamentato per un presunto fallo su Ricci nell’occasione del secondo gol del Bologna: il punto su Giua

Per dirigere la sfida tra due squadre in salute nel lunch match del Dall’Ara il designatore Rocchi si è affidato all’arbitro Antonio Giua della sezione AIA di Olbia. La prova del 34enne fischietto sardo non è stata esente da errori ed indecisioni che non sono state risolte nemmeno con l’ausilio dl VAR Nasca. Al 9’ la prima decisione opinabile: al limite dell’area granata, su una palla contesa, Djidji arriva con una frazione di secondo di ritardo su Ferguson che riceve un pestone ma l’arbitro lascia proseguire forse concedendo il vantaggio, poi la conclusione di Dominguez termina fuori. Al 24’ il rigore a favore del Torino: su lancio di Milinkovic-Savic, Miranchuk va via a Lucumi il quale lo ostacola già al limite franando su di lui appena in area di rigore, Giua indica il dischetto e resta in attesa della conferma del VAR che giunge a stretto giro; nella circostanza opta per il cartellino giallo ai danni del difensore rossoblu non considerando evidentemente l’azione come chiara occasione da rete ritenendo ancora possibile il recupero del’accorrente Soumaoro (altra interpretazione discutibile). Sul finire del primo tempo dubbio anche lo stop all’azione di Karamoh innescata da un errore di Lucumi per far ribattere un calcio di punizione non si capisce bene per quale motivo. 

Schuurs-Dominguez: timide proteste

Al 62’ qualche timida protesta rossoblu per un contrasto in area granata tra Schuurs e Dominguez ma in questo caso Giua fa bene a lasciar proseguire suffragato anche da un check col VAR. Al 64’ è regolare la posizione (e conseguentemente il gol) di Orsolini sul lancio di Vignato mentre ulteriori e fondati dubbi sussistono sul secondo gol dei felsinei al 73’: Orsolini si libera di Ricci con una sbracciata sul volto prima di servire Lykogiannis che effettua il cross per il colpo di testa vincente di Posch. Anche in questo caso il direttore di gara ha avuto un’interpretazione piuttosto permissiva ed anche in tale circostanza il VAR ha convalidato la decisione presa sul campo ritenendo evidentemente un normale contrasto di gioco il modo con il quale Orsolini si era liberato di Ricci (ma il colpo al volto è sempre punibile, anche se accidentale).Nella circostanza peraltro Milinkovic-Savic si becca un cartellino giallo per proteste. Altre ammonizioni arrivano poi al 77’ per Vignato che commette fallo su Ricci, all’85’ per lo stesso Ricci per proteste ed al 92’ per Vojvoda che rifila un calcione a Orsolini vicino alla linea del fallo laterale.

Per i granata si è trattato del terzo incrocio con l’arbitro Giua e della terza sconfitta col medesimo risultato (e con polemiche): nelle precedenti occasioni erano giunte le sconfitte nel settembre 2019 contro il Lecce (negato un rigore nel finale) e lo scorso febbraio contro il Venezia (annullato un gol a Belotti per offside molto discutibile di Pobega).

Giua arbitro
L’arbitro Antonio Giua
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 07-11-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
sparpacello
sparpacello
24 giorni fa

2* errore di fila ai danni del Toro. a Bologna abbiamo fatto schifo ma se avesse fischiato la manata su Ricci forse saremmo qui a commentare un pareggio

poggiardo granata69
poggiardo granata69
24 giorni fa

Quante altre partite deve danneggiarsi x chiedere di non arbitraggi più???

michelebrillada
michelebrillada
25 giorni fa

giua fa schifo come uomo e come arbitro non ne azzecca una che è una ,d’altronde però una società che accetta massa M….daccia di imperia a arbitrare una ligure samdoria è tutto dire sappiamo gia come andra a finire

Abisso sbaglia: gol di Messias irregolare. E la gestione dei cartellini…

Torino-Sampdoria: Massa, metro non uniforme