Il punto di Carlo Quaranta sull’arbitro Pasqua che ieri ha diretto il match tra Torino e Bologna terminato 1-1

Sesta direzione stagionale e sesta in carriera col Torino per Fabrizio Pasqua che è stato designato per il match tra i granata e i rossoblù. Dopo le polemiche del turno infrasettimanale e i nervi a fior di pelle per i recenti risultati negativi non era facile la missione per il fischietto della sezione AIA di Tivoli che ha dovuto amministrare una partita difficile nella quale è dovuto intervenire spesso tanto che ne è uscita fuori una gara molto frammentata. Al 10’ il primo caso in area di rigore: su un cross basso in area felsinea si avventano De Silvestri e Belotti, il capitano granata termina a terra ed effettivamente il difensore lo ostacola ma le trattenute sono reciproche e il VAR non richiama l’attenzione del direttore di gara invitandolo all’on field review. Al 26’ giustamente ammonito Dominguez a causa di un’entrata pericolosa su Gojak. Al 32’ cartellino giallo pesante per Lyancoche entra in scivolata in modo imprudente su Palacio: il difensore brasiliano era diffidato e salterà la gara contro il Napoli. Al 34’ Medel contrastato da Rincon non riesce a rinviare in modo pulito toccando il pallone col braccio e sollevando le proteste granata ma anche in questo caso Pasqua fa proseguire (un eventuale intervento avrebbe comportato anche la sanzione disciplinare a carico del cileno). Al 43’ un altro tocco di braccio di Medelimpedisce che si concretizzi un passaggio di Belotti ma anche in questo caso nessun fischio arbitrale.

La direzione di Pasqua nel secondo tempo

Al 52’ giallo a Svanberg per un intervento in ritardo ai danni di Belotti. Al 61’ situazione dubbia al limite dell’area granata con Soriano che finisce a terra dopo un presunto contatto con Rodriguez: entrambi lisciano il pallone e sarebbe da verificare se l’episodio è poco dentro o poco fuori l’area di rigore ma Pasqua lascia giocare non ravvedendo alcuna infrazione. Al 64’ anche Lukic riceve una leggera spinta in area ma in questo caso non restano dubbi sulla decisione di soprassedere. Al 68’ ammonito Tomiyasu per reiterati interventi fallosi su Belotti. All’80’ un altro contatto in area rossoblù con trattenute stavolta tra Tomiyasu e Belotti, anche in questa circostanza – così come in quella del 10’ – Pasqua vede e non provvede evidentemente valutando l’entità della trattenuta non sufficiente a provocare un fallo da rigore. All’87’ Schouten ferma Linetty fallosamente, non sarebbe stataingiustificata l’ammonizione.

Il bilancio del Torino con Pasqua

Al 91’ infine Verdi entra a gamba tesa in gioco pericoloso su Palacio ma l’arbitro non interviene. In fin dei conti gestione di gara un po’ disordinata da parte di Pasqua che si è adeguato all’andamento del match frammentando spesso il gioco ma che in talune circostanze è mancato di intervenire con punizioni e sanzioni disciplinari. Con lui i granata tra campionato e Coppa Italia vantano ora un bilancio complessivo di 2 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta.

Fabrizio Pasqua arbitro
Fabrizio Pasqua arbitro
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-12-2020


Roma-Torino, Abisso condiziona la partita

Napoli-Torino, senza problemi la direzione di Valeri