Torna “Il punto sull’arbitro” di Carlo Quaranta: ecco come viene giudicata la direzione arbitrale di Michael Fabbri dopo Sassuolo-Torino

Direzione senza particolari affanni per Michael Fabbri al Mapei Stadium. L’arbitro ravennate ha difatti guidato un match che non ha presentato rilevanti casi da moviola e la gestione è stata tutto sommato apprezzabile ed equa.
Nei primi minuti gioco fermo più volte per alcune scorrettezze ed al 14’ il direttore di gara lo interrompe opportunamente per verificare le condizioni di Berardi colpito da una violenta pallonata alla testa. Al 20’ risparmiato Duncan autore di un intervento molto duro su Niang: il ghanese se la cava con un richiamo verbale. Al 26’ il Torino passa in vantaggio grazie ad un gol di Obi servito da un tocco sbagliato di Falcinelli ed in posizione perfettamente regolare al momento della battuta a rete. Qualche dubbio, invece, sulle posizioni di partenza del nigeriano e di Burdisso comunque giudicate ininfluenti sul calcio di punizione battuto da Falque, poi il doppio tocco dei neroverdi sul prosieguo dell’azione annulla l’eventuale infrazione. Al 33’ rischia l’ammonizione Peluso per una trattenuta su Falque ma anche in questo caso Fabbri soprassiede. L’arbitro romagnolo non può però esimersi dal prendere provvedimenti al 39’ quando Duncan, autore già di diversi interventi sopra le righe, tocca il pallone col braccio per fermare Baselli nei pressi dell’area emiliana.

Il secondo tempo si apre subito con un altro cartellino giallo, stavolta a Rincon per un intervento non cattivo ma in ritardo su Berardi che si lamenta platealmente. Altre ammonizioni al 65’ ad Acerbi per un fallo di ostruzione su Falque, al 70’ a Matri per proteste giustificate da una rimessa laterale invertita, all’80’ a Baselli per un fallo di reazione su Magnanelli (il granata ha protestato lamentando un fallo precedente del neroverde) ed al 91’ a Goldaniga per un intervento da dietro su Boyé. Come sopra evidenziato, la gara non ha presentato particolari problemi e la gestione è stata accorta con pochi errori (anche da parte degli assistenti). Fabbri è sembrato forse un po’ severo in alcune sanzioni nella ripresa dopo che nel primo tempo era sembrato invece piuttosto indulgente ma la variazione di metro è sembrata parzialmente giustificata dagli sviluppi della gara e comunque non è stata mai sbilanciata verso l’una o l’altra contendente.
Per l’arbitro di Faenza si è trattato del quarto incrocio con i granata che con lui non avevano ancora mai pareggiato (due vittorie e una sconfitta proprio contro il Sassuolo i precedenti).


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
4 anni fa

gestione del match buona.anche per me promosso.

Osservatore
Osservatore
4 anni fa

Wowwwwwwww questa è veramente una notizia bomba. Pensa che 62 si è lamentato perchè non ha espulso nel primo tempo Duncan. E’ il solito esagerato, lo sappiamo. 🙂 …. concordo però con lui che lo avrebbe potuto ammonire 1 o 2 falli prima di quando effettivamente fatto.

Torino-Bologna, Damato convinto dal Var

Torino-Benevento, bene Mariani tra offside e Var