Il punto sull’arbitro di Carlo Quaranta: ecco il giudizio sulla direzione di Piccinini in Torino-Lazio

Direzione senza problemi quella di Marco Piccinini, arbitro designato per la partita del Grande Torino valevole per la seconda giornata di campionato tra Torino e Lazio. Sempre vicino all’azione, ha amministrato senza gravi sbavature e diretto in modo equo, fischiando il giusto senza ricorrere ai cartellini per buona parte del match. Praticamente nei primi 45’ non c’è alcun episodio da segnalare: corrette le segnalazioni nei contrasti tra duellanti nelle varie zone del campo come nel caso tra Rodriguez e F. Anderson (19’), Singo e Marusic (20’ e 42’) e tra Buongiorno e Immobile (37’). Fiscale invece nel contrasto tra Rodriguez e F. Anderson al 43’ quando concede un fallo che non c’è a favore del brasiliano, corretta anche l’interpretazione al 45’ in area granata quando è Immobile che commette fallo sullo stesso difensore svizzero rifilandogli una manata.

Nel secondo tempo arrivano anche i cartellini gialli: il primo al 49’ è per Cataldi che sgambetta platealmente Radonjic sotto gli occhi del direttore di gara; al 73’ Marcos Antonio entra in gioco pericoloso su Ricci e anche lui si becca un’ammonizione sacrosanta. Al 74’ è fiscale punendo un intervento di Pellegri su Marusic, al 92’ arriva la terza ammonizione, dopo aver lasciato opportunamente finire l’azione, per punire un fallo di Lazzari su Ola Aina.

Infine allo scoccare del 94’ Piccinini fischia la fine tra le proteste laziali che stavano capovolgendo il fronte ripartendo dal limite della propria area di rigore in superiorità numerica: tuttavia le rimostranze (ammoniti nell’occasione Milinkovic-Savic e il capitano Immobile per reiterate proteste) sembrano fuori luogo poiché comunque il tempo era scaduto e l’arbitro aveva il diritto – dovere di fischiare la fine e anche perché semmai poteva esserci una punizione a favore dei granata per un fallo su Lukic.

Dunque direzione più che sufficiente per l’arbitro della sezione AIA di Forlì, concentrato e vicino all’azione e ben coadiuvato dai propri assistenti Tolfo e Capaldo, attenti nella segnalazione delle posizioni irregolari. Cinque le ammonizioni, tutte giuste e tutte ai danni di giocatori biancocelesti. Con Piccinini il Torino vanta ora sette precedenti con un bilancio in attivo: dopo 4 vittorie e 2 sconfitte quello di ieri è stato il primo pareggio.

Marco Piccinini
Marco Piccinini
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-08-2022


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
1 mese fa

X questa volta non ci possiamo lamentare…

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa

Per tutta la partita i laziali si sono buttati per terra chiedendo falli e lui glieli ha concessi. senza fiatare. immobile ha messo una mano in faccia a Buongiorno e ha fatto finta di non vedere. Poi, alla fine, quando ha chiuso il match esattamente al 93′ (decisione corretta, dati… Leggi il resto »

T9
T9
1 mese fa
Reply to  Scimmionelli

Per me siete folli

T9
T9
1 mese fa
Reply to  T9

Ops, ho usato il plurale perchè su questo argomento sarai sicuramente in larga compagnia. State sempre a gridare al complottismo, fate dietrologia, usate il doppiopesismo nel giudizio degli episodi.

Siete gente matti

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  T9

Nessun complottismo. Davvero. Solo un arbitro di carattere molto debole che ha rischiato di farsi scappare di mano una partita tutto sommato facile.

Mariani controlla agevolmente: ecco perché non ha fischiato il rigore su Radonjic

Cremonese-Torino, Valeri deciso su Singo